Crea sito

I piani disperati del comando meridionale

Le azioni perpetrate dal 21 marzo di quest’anno da gruppi irregolari dalla Colombia a La Victoria, territorio di confine venezuelano con il paese gemello, non sono state improvvisate. Fanno parte del Piano “B” del Comando Meridionale per destabilizzare la nostra Nazione e rovesciare la Rivoluzione Bolivariana.

Nel febbraio 2016, il capo del comando meridionale, Kurt Tidd, in un documento intitolato Operazione Venezuela Freedom-2, ha scritto: “È essenziale sottolineare che la responsabilità nella preparazione, pianificazione ed esecuzione parziale dell’Operazione Venezuela Freedom-2 in i momenti attuali spetta al nostro Comando … In un approccio di “cerchio e asfissia” abbiamo concordato con i partner più stretti del MUD (partito politico di opposizione) di utilizzare l’Assemblea nazionale come una tenaglia per ostacolare il governo: chiamare eventi e mobilitazioni , per interpellare i governanti, negare crediti, abrogare legg”.

A quel punto, 2016, il Piano “A” sarebbe stato eseguito dai deputati del MUD dell’Assemblea nazionale. Tuttavia, avevano anche un piano “B”. Come ha detto Donald Trump “Tutte le opzioni sono sul tavolo”. Si legge nello stesso documento: “Sebbene in quest’area con la situazione militare non possiamo agire apertamente ora, con le forze speciali è necessario specificare quanto precedentemente previsto per la fase 2 (tenaglia) dell’Operazione. L’addestramento e la prontezza operativa degli ultimi mesi con la Joint Task Force-Bravo alla base di Palmerola, Honduras, e la Joint Inter-agency Task Force South (JIATFS) consentono di mettere tali componenti in grado di agire rapidamente in un geoarco -Strategico supportato dalle basi militari di ´controllo e monitoraggio´ ad Arauca, Larandia, Tres Esquinas, Puerto Leguizamo, Florencia e Leticia in Colombia; tutto questo come luogo di Operazioni Avanzate con proiezioni sulla regione centrale del Venezuela dove si concentra il potere politico-militare”.

Due anni dopo, nel febbraio 2018, il Comando Meridionale ha pubblicato un altro documento: “Master Coup per rovesciare la ‘dittatura’ in Venezuela”, tra i piani c’erano: “continuare il fuoco continuo al confine con la Colombia, moltiplicare il traffico di carburante e altri beni, il movimento di paramilitari, incursioni armate e traffico di droga, provocando incidenti armati con le forze di sicurezza del confine venezuelano e reclutando paramilitari principalmente dai campi profughi di Cúcuta, La Guajira e Norte de Santander”.

A questi piani si aggiunge la posizione del discorso sul presunto traffico di droga e sul carattere terroristico del governo venezuelano. Si legge nei documenti del Comando Meridionale: “Lo sforzo che abbiamo fatto per collegare il governo Maduro alla corruzione e al riciclaggio di denaro per screditare la sua immagine davanti al mondo e ai suoi seguaci interni non può essere messo da parte”.

Dopo 5 anni, i deputati del MUD, dell’Assemblea Nazionale (2016-2020) si siano vergognosamente tolti uno per uno e al momento le azioni del Comando Meridionale non hanno raggiunto l’obbiettivo di rovesciare la Rivoluzione Bolivariana. Nel marzo di quest’anno, l’attuale capo di quel comando, Craig Faller, nella sua apparizione davanti al Senato degli Stati Uniti, ha riconosciuto il fallimento della sua politica contro il Venezuela, ha dichiarato: “Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, continua al potere con il sostegno di Cuba , Russia, Iran e Cina nonostante le forti sanzioni contro il paese bolivariano per perseguire la distruzione dell’economia venezuelana. È stata esercitata la pressione diplomatica ed economica adeguata, non ha dato il risultato sperato”.

Non è un caso che mentre le azioni si sono svolte al confine, Faller ha detto ai senatori statunitensi: “il governo di Nicolás Maduro è coinvolto nel traffico di droga, sostenendo apertamente il narco-terrorismo collaborando con l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) e il Dissenting Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC-D) per spostare centinaia di tonnellate di cocaina dalla Colombia attraverso il Venezuela”.

L’Ammiraglio ha affermato nella sua apparizione che tra il 2015 e il 2019 il flusso di droga dal Venezuela è aumentato del 145%, un dato che non coincide in alcun modo con quelli del recente rapporto di giugno 2020 pubblicato dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine. Al contrario, il Venezuela, a differenza della Colombia, non compare nemmeno tra i paesi produttori, consumatori e trafficanti di droga. Quando viene menzionato, è nell’elenco dei paesi che hanno smantellato i laboratori in cui viene lavorata la cocaina prodotta in Colombia. Ma, in aggiunta e in termini di traffico, il rapporto legge che, negli ultimi tempi, il traffico di droga in Venezuela è notevolmente diminuito, nonostante fosse  già molto basso. Non è vero quello che Faller ha detto ai senatori, o nel caso, è stato male informato.

Col passare del tempo, la disperazione del Comando Meridionale e del suo capo, l’imperialismo, diventa sempre più evidente, soprattutto da quando, fallimento dopo fallimento, i suoi principali nemici avanzano rapidamente nella Regione mettendo a dura prova Monroe e la sua Dottrina.

Craig Faller ha detto ai senatori che “la Cina, con le influenze insidiose, corrosive e corrotte del Partito Comunista Cinese è una delle due maggiori minacce strategiche a lungo termine alla sicurezza dell’America nel 21° secolo” e ha collegato il paese asiatico con una seconda minaccia: organizzazioni criminali transnazionali responsabili del traffico di armi, persone e droga. Ha dichiarato: “Vorrei sottolineare che la DEA ha citato il riciclaggio di denaro cinese come il principale finanziatore di organizzazioni criminali transnazionali”.

L’ala armata dell’imperialismo ha così paura di perdere il “suo” spazio in America Latina e nei Caraibi che si è lamentata davanti al Senato quando ha riferito che “la Cina sta avanzando rapidamente verso il suo obiettivo di dominio economico della Regione per i prossimi dieci anni. Nel 2019, la Cina ha superato gli Stati Uniti come principale partner commerciale con Brasile, Cile, Perù e Uruguay ed è ora il secondo partner commerciale nella regione. Dal 2002 al 2019, il commercio della Cina con l’America Latina è salito alle stelle da 17 miliardi di dollari a oltre 315 miliardi di dollari, con piani per raggiungere i 500 miliardi di dollari entro il 2025″.

Faller ha anche confessato la sua paura della Russia per “gli accordi di questo paese con Venezuela e Nicaragua per espandere l’accesso aereo e marittimo con l’obiettivo di proiettare la potenza militare nella Regione”. Allo stesso modo, ha espresso la sua paura per “la presenza dell’Iran in America attraverso la cooperazione economica e di sicurezza”. Ha anche detto che “è preoccupato per il fatto che Teheran mantenga un canale televisivo in spagnolo che raggiunge 17 paesi della regione”.

Stiamo vivendo il declino dell’impero più genocida della storia che, come un mostro ferito, pauroso e disperato, lo rende anche più pericoloso e goffo, volendo marcare, con menzogne ​​e minacce, quello che ha considerato il “suo” territorio sin dal tempo di Monroe. Sotto il manto della Dottrina Bolivariana, la risposta delle nostre gloriose Forze Armate è stata forte e chiara: “Se vuoi, anche noi, sappi che siamo determinati a tutto, la Patria per noi è tutto”.

***

*Economista e professoressa all’Universidad Simón Bolívar, collaboratrice del governo bolivariano, ultimo libro in italiano “La mano visibile del mercato. Guerra economica in Venezuela” (Edizioni Efeso, 2019). 

Fonte: UltimaNoticias – Venezuela

https://ultimasnoticias.com.ve/