Storia: conversazione con Fidel

Guerra nucleare e futuro dell’umanità. Conversazioni con Fidel Castro riproposta a undici anni dall’incontro

Fidel Castro Ruz con il Prof. Michel Chossudovsky nel 2010

di Michel Chossudovsky*

Sotto Joe Biden, prevale il programma di armi nucleari da 1.200 miliardi di dollari degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti hanno un arsenale di circa 1.650 testate nucleari strategiche che sono attivamente dispiegate e 180 armi nucleari tattiche dispiegate in cinque paesi europei.

Il testo seguente è stato pubblicato come capitolo nel libro di Michel Chossudovsky intitolato:  

La globalizzazione della guerra. La lunga guerra americana contro l’umanità.

Nota introduttiva

Dal 12 al 15 ottobre 2010, ho avuto discussioni ampie e dettagliate con Fidel Castro all’Avana, sui pericoli della guerra nucleare, la crisi economica globale e la natura del Nuovo Ordine Mondiale. Questi incontri sono sfociati in un’intervista ampia e fruttuosa.

La prima parte di questa intervista pubblicata da Global Research e Cuba Debate si concentra sui pericoli della guerra nucleare.

Il mondo è a un bivio pericoloso. Abbiamo raggiunto un punto di svolta critico nella nostra storia.

Questa intervista a Fidel Castro fornisce una comprensione della natura della guerra moderna: se un’operazione militare fosse lanciata contro la Repubblica islamica dell’Iran, gli Stati Uniti ei suoi alleati non sarebbero in grado di vincere una guerra convenzionale, con la possibilità che questa guerra potrebbe evolvere verso una guerra nucleare.

I dettagli dei preparativi di guerra in corso in relazione all’Iran sono stati nascosti all’opinione pubblica.

Come affrontare la diabolica e assurda proposizione avanzata dall’amministrazione statunitense che l’uso di armi nucleari tattiche contro l’Iran “renderà il mondo un posto più sicuro”? 

Un concetto centrale presentato da Fidel Castro nell’intervista è la “Battaglia delle idee”. Il leader della Rivoluzione Cubana crede che solo una “battaglia di idee” di vasta portata potrebbe cambiare il corso della storia del mondo. L’obiettivo è prevenire l’impensabile, una guerra nucleare che minaccia di distruggere la vita sulla terra.

I media aziendali sono coinvolti in atti di camuffamento. Gli impatti devastanti di una guerra nucleare vengono banalizzati o non vengono menzionati. In questo contesto, il messaggio di Fidel al mondo deve essere ascoltato; le persone in tutto il paese, a livello nazionale e internazionale, dovrebbero comprendere la gravità della situazione attuale e agire con forza a tutti i livelli della società per invertire le sorti della guerra.

La “battaglia delle idee” fa parte di un processo rivoluzionario. Contro una raffica di disinformazione mediatica, la determinazione di Fidel Castro è di spargere la voce in lungo e in largo, di informare l’opinione pubblica mondiale, di “rendere possibile l’impossibile”, di contrastare un’avventura militare che nel vero senso della parola minaccia il futuro di umanità.  

Quando una guerra nucleare sponsorizzata dagli Stati Uniti diventa uno “strumento di pace”, condonata e accettata dalle istituzioni mondiali e dalla massima autorità, comprese le Nazioni Unite, non si torna indietro: la società umana è stata indelebilmente precipitata sulla via dell’autodistruzione .

La “Battaglia delle idee” di Fidel deve essere tradotta in un movimento mondiale. La gente deve mobilitarsi contro questo diabolico programma militare.

Questa guerra può essere prevenuta se le persone fanno pressione sui loro governi e rappresentanti eletti, si organizzano a livello locale in città, villaggi e comuni, spargono la voce, informano i loro concittadini sulle implicazioni di una guerra termonucleare, avviano dibattiti e discussioni all’interno delle forze armate .

Ciò che è richiesto è un movimento di massa di persone che sfidi con forza la legittimità della guerra, un movimento di persone globale che criminalizza la guerra. 

Nel suo discorso del 15 ottobre 2010, Fidel Castro ha avvertito il mondo sui pericoli della guerra nucleare:

 Ci sarebbero“ danni collaterali ”, come affermano sempre i leader politici e militari americani, per giustificare la morte di persone innocenti. In una guerra nucleare il “danno collaterale” sarebbe la vita di tutta l’umanità. Abbiamo il coraggio di proclamare che tutte le armi nucleari o convenzionali, tutto ciò che viene utilizzato per fare la guerra, devono scomparire! “

La “battaglia delle idee” consiste nell’affrontare i criminali di guerra in alto ufficio, nel rompere il consenso guidato dagli Stati Uniti a favore di una guerra globale, nel cambiare la mentalità di centinaia di milioni di persone, nell’abolizione delle armi nucleari. In sostanza, la “battaglia delle idee” consiste nel restaurare la verità e stabilire le basi della pace mondiale.

 

Michel Chossudovsky, Global Research, Center for Research on Globalization (CRG),

Montreal, Giorno della Memoria, 11 novembre 2010.


“La guerra convenzionale verrebbe persa dagli Stati Uniti e la guerra nucleare non è un’alternativa per nessuno. D’altra parte, la guerra nucleare diventerebbe inevitabilmente globale ”

“ Penso che nessuno sulla Terra desideri che la specie umana scompaia. Ed è per questo motivo che sono dell’opinione che ciò che dovrebbe scomparire non siano solo le armi nucleari, ma anche quelle convenzionali. Dobbiamo fornire una garanzia di pace a tutti i popoli senza distinzione

“In una guerra nucleare il danno collaterale sarebbe la vita dell’umanità. Abbiamo il coraggio di proclamare che tutte le armi nucleari o convenzionali, tutto ciò che viene utilizzato per fare la guerra, devono scomparire! ”

“Si tratta di chiedere che il mondo non sia condotto in una catastrofe nucleare, ma di preservare la vita”.

Fidel Castro Ruz, L’Avana, ottobre 2010.

CONVERSAZIONI

L’intervista è stata condotta in spagnolo. Il testo spagnolo è stato tradotto in inglese da Cuba Debate, verificato e curato da Michel Chossudovsky

Professor Michel Chossudovsky: Sono molto onorato di avere questa opportunità di scambiare opinioni su diverse questioni fondamentali che interessano la società umana nel suo insieme. Penso che l’idea che hai sollevato nei tuoi recenti testi riguardo alla minaccia contro l’ Homo sapiens sia fondamentale.

Qual è quella minaccia, il rischio di una guerra nucleare e la minaccia per gli esseri umani, per l’ Homo sapiens ?

Comandante in capo Fidel Castro Ruz : Da parecchio tempo – direi anni – ma soprattutto da qualche mese ho cominciato a preoccuparmi dell’imminenza di una pericolosa e probabile guerra che potrebbe evolversi molto rapidamente verso una guerra nucleare.

Prima di allora avevo concentrato tutti i miei sforzi sull’analisi del sistema capitalista in generale e sui metodi che la tirannia imperiale ha imposto all’umanità. Gli Stati Uniti applicano al mondo la violazione dei diritti più fondamentali.

Durante la Guerra Fredda, nessuno ha parlato di guerra o di armi nucleari; si parlava di una pace apparente, cioè tra URSS e Stati Uniti, era garantita la famosa MAD (Mutual Assured Destruction). Sembrava che il mondo stesse per godersi i piaceri di una pace che sarebbe durata per un tempo illimitato.

Michel Chossudovsky :… Questa nozione di “distruzione reciproca assicurata” si è conclusa con la Guerra Fredda e in seguito la dottrina nucleare è stata ridefinita, perché non abbiamo mai veramente pensato a una guerra nucleare durante la Guerra Fredda. Ebbene, ovviamente, c’era un pericolo, come disse anche Robert McNamara a un certo punto nel tempo.

Ma, dopo la Guerra Fredda, in particolare dopo l’11 settembre [2001], la dottrina nucleare americana iniziò a essere ridefinita.

Fidel Castro Ruz : Mi hai chiesto quando ci siamo resi conto del rischio imminente di una guerra nucleare, e questo risale al periodo di cui ti ho parlato in precedenza, appena sei mesi fa. Una delle cose che ha richiamato maggiormente la nostra attenzione riguardo a un simile pericolo di guerra è stato l’affondamento della Cheonan durante una manovra militare. Quella era l’ammiraglia della Marina sudcoreana; una nave estremamente sofisticata. Era il momento in cui abbiamo trovato su GlobalReasearch il rapporto del giornalista che offriva un’informazione chiara e veramente coerente sull’affondamento della Cheonan, che non poteva essere il lavoro di un sottomarino che era stato fabbricato dall’URSS più di sessant’anni fa, utilizzando una tecnologia obsoleta che non richiedeva le sofisticate apparecchiature che potevano essere rilevate dalla Cheonan , durante una manovra congiunta con i più moderne navi statunitensi.

La provocazione contro la Repubblica Democratica di Corea si è aggiunta alle nostre precedenti preoccupazioni per un’aggressione contro l’Iran. Avevamo seguito da vicino il processo politico in quel paese. Sapevamo perfettamente cosa accadde lì negli anni ’50, quando l’Iran nazionalizzò i beni della British Petroleum in quel paese, che all’epoca si chiamava Anglo Persian Oil Company.

A mio parere, le minacce contro l’Iran sono diventate imminenti nel giugno [2010], dopo l’adozione della Risoluzione 1929 il 9 giugno 2010, quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha condannato l’Iran per le ricerche che sta conducendo e la produzione di piccole ammontano al 20% di uranio arricchito e lo accusano di essere una minaccia per il mondo. La posizione adottata da ogni singolo membro del Consiglio di Sicurezza è nota: 12 Stati membri hanno votato a favore – cinque di loro avevano diritto di veto; uno di loro si è astenuto e 2 – Brasile e Turchia – hanno votato contro. Poco dopo l’adozione della Risoluzione – la risoluzione più aggressiva di tutte – una portaerei statunitense, incorporata in un’unità da combattimento, più un sottomarino nucleare, ha attraversato il Canale di Suez con l’aiuto del governo egiziano. Unità navali israeliane si unirono,

Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai loro alleati della NATO contro l’Iran sono state assolutamente abusive e ingiuste. Non riesco a capire il motivo per cui Russia e Cina non abbiano posto il veto alla pericolosa Risoluzione 1929 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo me questo ha complicato terribilmente la situazione politica e ha posto il mondo sull’orlo della guerra.

Ricordo i precedenti attacchi israeliani contro i centri di ricerca nucleare arabi. Hanno attaccato e distrutto quello in Iraq per la prima volta nel giugno 1981. Non hanno chiesto il permesso a nessuno, non hanno parlato con nessuno; li hanno semplicemente attaccati e gli iracheni hanno dovuto sopportare gli attacchi.

Nel 2007 hanno ripetuto la stessa operazione contro un centro di ricerca che veniva costruito dalla Siria. C’è qualcosa in quell’episodio che davvero non capisco: ciò che non mi era chiaro erano le tattiche sottostanti, o le ragioni per cui la Siria non aveva denunciato l’attacco israeliano contro quel centro di ricerca dove, indubbiamente, stavano facendo qualcosa, stavano lavorando a qualcosa per cui, come è noto, stavano ricevendo una certa collaborazione dalla Corea del Nord. Era qualcosa di legale; non hanno commesso alcuna violazione.

Lo dico qui e sono molto onesto: non capisco perché non sia stato denunciato, perché, secondo me, sarebbe stato importante. Questi sono due antecedenti molto importanti.

Credo che ci siano molte ragioni per pensare che cercheranno di fare lo stesso contro l’Iran: distruggere i suoi centri di ricerca oi centri di generazione di energia di quel paese. Come è noto, i residui di uranio della produzione di energia sono la materia prima per produrre plutonio.

Michel Chossudovsky : È vero che quella risoluzione del Consiglio di sicurezza ha in qualche misura contribuito ad annullare il programma di cooperazione militare che Russia e Cina hanno con l’Iran, in particolare la Russia coopera con l’Iran nel contesto del sistema di difesa aerea fornendo il suo S-300 Sistema.

Ricordo che subito dopo la decisione del Consiglio di Sicurezza, con l’approvazione di Cina e Russia, il ministro degli Esteri russo ha detto: “Ebbene, abbiamo approvato la Risoluzione ma questo non invaliderà la nostra cooperazione militare con l’Iran”. Era giugno [2010]. Ma pochi mesi dopo, Mosca ha confermato che la cooperazione militare [con l’Iran] sarebbe stata congelata, quindi ora l’Iran si trova ad affrontare una situazione molto grave, perché ha bisogno della tecnologia russa per mantenere la sua sicurezza, vale a dire la sua difesa aerea [S-300] sistema.

Ma penso che tutte le minacce contro Russia e Cina abbiano lo scopo di impedire ai due paesi di essere coinvolti nella questione iraniana. In altre parole, se c’è una guerra con l’Iran le altre potenze, che sono Cina e Russia, non interverranno in alcun modo; congeleranno la loro cooperazione militare con l’Iran e quindi questo è un modo [per gli Stati Uniti e la NATO] di estendere la loro guerra in Medio Oriente senza che ci sia uno scontro con Cina e Russia e penso che questo sia più o meno lo scenario proprio adesso.

Esistono molti tipi di minacce dirette contro Russia e Cina. Il fatto che i confini della Cina siano militarizzati – il Mare del Sud della Cina, il Mar Giallo, il confine con l’Afghanistan e anche lo Stretto di Taiwan – è in qualche modo una minaccia per dissuadere Cina e Russia dal svolgere il ruolo di potenze nella geopolitica mondiale, aprendo così la strada e persino creando consenso a favore di una guerra con l’Iran che sta avvenendo in condizioni in cui il sistema di difesa aerea iraniano si sta indebolendo. [Con il congelamento del suo accordo di cooperazione militare con la Russia] L’Iran è una “papera seduta” dal punto di vista della sua capacità di difendersi usando il suo sistema di difesa aerea.

Fidel Castro Ruz:  A mio modesto e sereno parere, si sarebbe dovuto porre il veto alla risoluzione. Perché, secondo me, tutto è diventato più complicato in diversi modi.

Militarmente, per quello che stai spiegando riguardo, ad esempio, all’impegno che esisteva e al contratto che era stato firmato per fornire all’Iran gli S-300, armi antiaeree molto efficienti in primo luogo.

Ci sono altre cose riguardo all’approvvigionamento di carburante, che sono molto importanti per la Cina, perché la Cina è il paese con la più alta crescita economica. La sua economia in crescita genera una maggiore domanda di petrolio e gas. Anche se ci sono accordi con la Russia per l’approvvigionamento di petrolio e gas, stanno anche sviluppando l’energia eolica e altre forme di energia rinnovabile. Hanno enormi riserve di carbone; l’energia nucleare non aumenterà molto, solo il 5% per molti anni. In altre parole, il bisogno di gas e petrolio nell’economia cinese è enorme e non riesco davvero a immaginare come potranno ottenere tutta quell’energia ea quale prezzo, se il paese in cui hanno investimenti importanti viene distrutto. dagli Stati Uniti. Ma il rischio peggiore è la natura stessa di quella guerra in Iran. L’Iran è un paese musulmano che ha milioni di combattenti addestrati e fortemente motivati.

Ci sono decine di milioni di persone che sono sotto ordini [militari], vengono istruiti e formati politicamente, uomini e donne allo stesso modo. Ci sono milioni di combattenti addestrati e determinati a morire. Queste sono persone che non si lasceranno intimidire e che non possono essere costrette a cambiare [il loro comportamento]. Dall’altra ci sono gli afghani – assassinati dai droni statunitensi – ci sono i pakistani, gli iracheni, che hanno visto morire uno o due milioni di compatrioti a causa della guerra antiterroristica inventata da Bush. Non puoi vincere una guerra contro il mondo musulmano; questa è pura follia.

Michel Chossudovsky : Ma è vero, le loro forze convenzionali sono molto grandi, l’Iran può mobilitare in un solo giorno diversi milioni di soldati e sono al confine con l’Afghanistan e l’Iraq, e anche se c’è una guerra blitzkrieg , gli Stati Uniti non possono evitare una guerra convenzionale guerra condotta molto vicino alle sue basi militari in quella regione.

Fidel Castro Ruz: Ma il fatto è che gli Stati Uniti perderebbero quella guerra convenzionale. Il problema è che nessuno può vincere una guerra convenzionale contro milioni di persone; non concentrerebbero le loro forze in gran numero in un unico luogo per consentire agli americani di ucciderle.

Beh, ero un guerrigliero e ricordo che dovevo pensare seriamente a come usare le forze che avevamo e non avrei mai fatto l’errore di concentrare quelle forze in un unico luogo, perché più le forze erano concentrate, maggiore era le vittime causate dalle armi di distruzione di massa….

Michel Chossudovsky : Come hai accennato in precedenza, una questione della massima importanza: la decisione della Cina e della Russia nel Consiglio di sicurezza, il loro sostegno alla risoluzione 1929, è in realtà dannosa per loro perché, in primo luogo, la Russia non può esportare armi, quindi la sua principale fonte di reddito ora è congelato. L’Iran era uno dei principali clienti o acquirenti di armi russe, e questa era un’importante fonte di guadagni in valuta forte che sosteneva l’economia dei beni di consumo della Russia coprendo così i bisogni della popolazione.

E, d’altra parte, la Cina richiede l’accesso alle fonti di energia come hai detto tu. Il fatto che Cina e Russia abbiano accettato il consenso del Consiglio di sicurezza dell’Onu, equivale a dire: “Accettiamo che tu uccida la nostra economia e, in qualche modo, i nostri accordi commerciali con un paese terzo”. Questo è molto grave perché [la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite] non solo danneggia l’Iran; danneggia anche quei due paesi, e suppongo – anche se non sono un politico – che devono esserci enormi divisioni all’interno della leadership, sia in Russia che in Cina, affinché ciò avvenga, affinché la Russia accetti di non usare il suo veto potere nel Consiglio di sicurezza.

Ho parlato con i giornalisti russi, che mi hanno detto che non c’era esattamente un consenso all’interno del governo di per sé; era una linea guida. Ma ci sono persone al governo con un punto di vista diverso riguardo agli interessi della Russia e alla sua posizione nel Consiglio di sicurezza dell’ONU. Come lo vedi?

Fidel Castro Ruz: Come vedo la situazione generale? L’alternativa in Iran – mettiamola così – la guerra convenzionale sarebbe persa dagli Stati Uniti e la guerra nucleare non è un’alternativa per nessuno.

D’altra parte, la guerra nucleare diventerebbe inevitabilmente globale. Quindi il pericolo a mio avviso esiste con la situazione attuale in Iran, tenendo conto delle ragioni che stai presentando e di molti altri fatti; il che mi porta alla conclusione che la guerra finirà per essere una guerra nucleare.

Michel Chossudovsky : In altre parole, poiché gli Stati Uniti ei loro alleati non sono in grado di vincere la guerra convenzionale, useranno armi nucleari, ma anche quella sarebbe una guerra che non potrebbero vincere, perché perderemo tutto .

Fidel Castro Ruz: Tutti perderebbero quella guerra; sarebbe una guerra che tutti perderebbero. Cosa guadagnerebbe la Russia se laggiù si scatenasse una guerra nucleare? Cosa guadagnerebbe la Cina? Che tipo di guerra sarebbe? Come reagirebbe il mondo? Che effetto avrebbe sull’economia mondiale? L’hai spiegato all’università quando hai parlato del sistema di difesa centralizzato progettato dal Pentagono. Sembra fantascienza; non assomiglia neanche lontanamente all’ultima guerra mondiale. L’altra cosa che è anche molto importante è il tentativo [da parte del Pentagono] di trasformare le armi nucleari in armi tattiche convenzionali.

Oggi, 13 ottobre [2010], stavo leggendo più o meno la stessa cosa in un comunicato in cui si affermava che i cittadini di Hiroshima e Nagasaki stavano esprimendo forti proteste sul fatto che gli Stati Uniti avevano appena effettuato test nucleari subcritici. Si chiamano subcritiche, il che significa l’uso dell’arma nucleare senza dispiegare tutta l’energia che si potrebbe ottenere con la massa critica.

Si legge: “Indignazione a Hiroshima e Nagasaki a causa di un test nucleare negli Stati Uniti.” …

 “Le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki che hanno subito un attacco nucleare alla fine della seconda guerra mondiale, hanno deplorato oggi il test nucleare condotto dagli Usa lo scorso settembre, definito subcritico perché non scatena reazioni nucleari a catena.

“Il test, il primo di questo tipo in quel paese dal 2006, si è svolto il 15 settembre da qualche parte in Nevada, negli Stati Uniti. È stato ufficialmente confermato dal Dipartimento dell’Energia di quel paese, ha informato il Japan Times “.

Cosa diceva quel giornale?

“Lo deploro profondamente perché speravo che il presidente Barack Obama assumesse la leadership nell’eliminazione delle armi nucleari”, ha dichiarato oggi in conferenza stampa il governatore di Nagasaki, Hodo Nakamura.

Segue una serie di notizie relative a ciò.

“Il test ha anche provocato diverse proteste tra i cittadini di Hiroshima e Nagasaki, tra cui diversi sopravvissuti agli attacchi delle bombe atomiche che hanno devastato entrambe le città nell’agosto del 1945.

“Non possiamo tollerare alcuna azione degli Stati Uniti che tradisca la promessa del presidente Barack Obama di andare avanti verso un mondo senza armi nucleari”, ha detto Yukio Yoshioka, vicedirettore del Consiglio per le vittime della bomba atomica di Hiroshima.

“Il governo ha dichiarato di non avere intenzione di protestare”. Relega la protesta a livello sociale e poi ha detto: “Con questo, il numero di test nucleari subcritici effettuati dagli Stati Uniti raggiunge la cifra di 26, dal luglio 1997, quando si è svolto il primo di essi”.

Ora dice:

“Washington ritiene che questi test non violino il Comprehensive Nuclear Test Ban Treaty (CTBT) poiché non scatenano alcuna reazione a catena, e quindi non rilasciano energia nucleare, e quindi possono essere considerati test di laboratorio”.

Gli Stati Uniti dicono che devono fare questi test perché sono necessari per mantenere la “sicurezza del loro arsenale nucleare”, il che equivale a dire: poiché abbiamo questi grandi arsenali nucleari, lo stiamo facendo per garantire la nostra sicurezza .

Michel Chossudovsky:   Torniamo alla questione della minaccia contro l’Iran, perché hai detto che gli Stati Uniti ei loro alleati non potrebbero vincere una guerra convenzionale. Questo è vero; ma le armi nucleari potrebbero essere usate come alternativa alla guerra convenzionale, e questa evidentemente è una minaccia contro l’umanità, come avete sottolineato nei vostri scritti.

La ragione della mia preoccupazione è che dopo la Guerra Fredda è stata sviluppata l’idea di armi nucleari con un “volto umanitario”, dicendo che quelle armi non erano realmente pericolose, che non danneggiano i civili, e in qualche modo l’etichetta delle armi nucleari era cambiato. Pertanto, secondo i loro criteri, le armi nucleari [tattiche] non sono diverse dalle armi convenzionali, e ora nei manuali militari dicono che le armi nucleari tattiche sono armi che non danneggiano i civili.

Pertanto, potremmo avere una situazione in cui coloro che decidono di attaccare l’Iran con un’arma nucleare non sarebbero consapevoli delle conseguenze che ciò potrebbe avere per il Medio Oriente, l’Asia centrale, ma anche per l’umanità nel suo insieme, perché stanno andando per dire: “Ebbene, secondo i nostri criteri, queste armi nucleari [tattiche] [sicure per i civili] sono diverse da quelle dispiegate durante la Guerra Fredda e quindi, possiamo usarle contro l’Iran come un’arma che non colpisce i civili e non non minacciare la sicurezza globale “.

Come lo vedi? È estremamente pericoloso, perché loro stessi credono alla propria propaganda. È propaganda interna alle forze armate, all’apparato politico.

Quando le armi nucleari tattiche furono ricategorizzate nel 2002-2003, il senatore Edward Kennedy disse a quel tempo che era un modo per offuscare il confine tra armi convenzionali e nucleari.

Ma è lì che siamo oggi; siamo in un’epoca in cui le armi nucleari non sono considerate diverse dal Kalashnikov.

Sto esagerando, ma in qualche modo le armi nucleari fanno ora parte della cassetta degli attrezzi – questa è la parola che usano, “cassetta degli attrezzi” – e da lì scegli il tipo di arma che intendi utilizzare, in modo che l’arma nucleare possa essere utilizzata nel teatro di guerra convenzionale, portandoci all’impensabile, uno scenario di guerra nucleare a livello regionale, ma anche con ripercussioni a livello globale.

Fidel Castro Ruz: Ho sentito quello che hai detto al programma della Tavola Rotonda [TV cubana] su tali armi, presumibilmente innocue per le persone che vivono nelle vicinanze delle aree in cui devono essere prese di mira, la potenza [resa esplosiva] potrebbe variare da uno -terzo di quello che è stato utilizzato a Hiroshima fino a sei volte la potenza [resa esplosiva] di quell’arma, e oggi conosciamo perfettamente i terribili danni che provoca. Una singola bomba ha ucciso all’istante 100.000 persone. Immagina solo una bomba che abbia sei volte la potenza di quella [bomba di Hiroshima], o due volte quella potenza, o una potenza equivalente, o il 30% di quella potenza. È assurdo.

C’è anche quello che hai spiegato all’università sul tentativo di presentarlo come un’arma umanitaria che potrebbe essere a disposizione anche delle truppe nel teatro delle operazioni. Quindi in qualsiasi momento qualsiasi comandante nel teatro delle operazioni potrebbe essere autorizzato a utilizzare quell’arma come una più efficiente di altre armi, qualcosa che sarebbe considerato suo dovere secondo la dottrina militare e l’addestramento ricevuto presso i militari. accademie.

Michel Chossudovsky:   In questo senso, non credo che quest’arma nucleare sarebbe stata usata senza l’approvazione, diciamo, del Pentagono, vale a dire le sue strutture di comando centralizzate [ad esempio, il comando strategico]; ma penso che potrebbe essere usato senza l’approvazione del Presidente degli Stati Uniti e del Comandante in Capo. In altre parole, non è proprio la stessa logica di quella che prevaleva durante la Guerra Fredda dove c’era il Telefono Rosso e …

Fidel Castro Ruz: Capisco, professore, quello che sta dicendo riguardo all’uso di quell’arma come autorizzato dai livelli alti del Pentagono, e mi sembra giusto che lei faccia questo chiarimento in modo da non essere incolpato. esagerando i pericoli di quell’arma.

Ma guarda, dopo aver appreso degli antagonismi e delle discussioni tra il Pentagono e il Presidente degli Stati Uniti, non ci sono davvero troppi dubbi su quale sarebbe la decisione del Pentagono se il capo del teatro delle operazioni chiedesse di usare quell’arma. perché lo sente necessario o indispensabile.

Michel Chossudovsky: C’è anche un altro elemento. Il dispiegamento di armi nucleari tattiche ora, per quanto ne so, viene intrapreso da diversi paesi europei che appartengono alla NATO. È il caso di Belgio, Olanda, Turchia, Italia e Germania. Quindi, ci sono molte di queste “piccole bombe nucleari” molto vicine al teatro di guerra, e d’altra parte abbiamo anche Israele.

Allora, non penso che Israele inizierà una guerra da solo; ciò sarebbe impossibile in termini di strategia e processo decisionale. Nella guerra moderna, con la centralizzazione delle comunicazioni, della logistica e di tutto il resto, iniziare una guerra importante sarebbe una decisione centralizzata. Tuttavia, Israele potrebbe agire se gli Stati Uniti dessero a Israele il via libera per lanciare il primo attacco. Questo è nel regno delle possibilità, anche se ci sono alcuni analisti che ora affermano che la guerra all’Iran inizierà in Libano e Siria con una guerra di confine convenzionale, e che quindi fornirebbe il pretesto per un’escalation delle operazioni militari.

Fidel Castro Ruz: Ieri, 13 ottobre, una folla di persone ha accolto Ahmadinejad in Libano come un eroe nazionale di quel Paese. Stamattina stavo leggendo un cablogramma a riguardo.

Inoltre, sappiamo anche delle preoccupazioni di Israele al riguardo, dato che i libanesi sono persone con un grande spirito combattivo che hanno tre volte il numero di missili reattivi che avevano nel precedente conflitto con Israele e Libano, il che era una grande preoccupazione Israele perché hanno bisogno – come hanno affermato i tecnici israeliani – dell’aeronautica militare per affrontare quell’arma. E così, affermano, potrebbero attaccare l’Iran solo per un numero di ore, non tre giorni, perché dovrebbero prestare attenzione a un tale pericolo. Ecco perché, da questi punti di vista, ogni giorno che passa sono più preoccupati, perché quelle armi fanno parte dell’arsenale iraniano di armi convenzionali. Ad esempio, tra le loro armi convenzionali, hanno centinaia di lanciarazzi per combattere le navi da guerra di superficie in quella zona del Mar Caspio. Sappiamo che, dal tempo della guerra delle Falkland, una nave da guerra di superficie può schivare uno, due o tre razzi. Ma immagina come una grande nave da guerra possa proteggersi da una pioggia di armi del genere. Quelle sono navi veloci gestite da persone ben addestrate, perché gli iraniani addestrano le persone da 30 anni ormai e hanno sviluppato armi convenzionali efficienti.

Lo sai tu stesso e sai cosa è successo durante l’ultima guerra mondiale, prima dell’emergere delle armi nucleari. Cinquanta milioni di persone sono morte a causa del potere distruttivo delle armi convenzionali.

Una guerra oggi non è come quella che fu condotta nel diciannovesimo secolo, prima della comparsa delle armi nucleari. E le guerre erano già altamente distruttive. Le armi nucleari sono apparse all’ultimo minuto, perché Truman voleva usarle. Voleva testare la bomba di Hiroshima, creando la massa critica dall’uranio, e l’altra a Nagasaki, che creava una massa critica dal plutonio. Le due bombe hanno ucciso immediatamente circa 100.000 persone. Non sappiamo quanti sono stati feriti e colpiti dalle radiazioni, che sono morti in seguito o hanno sofferto per lunghi anni a causa di questi effetti. Inoltre, una guerra nucleare creerebbe un inverno nucleare.

Ti parlo dei pericoli di una guerra, considerando i danni immediati che potrebbe causare. Sarebbe sufficiente se ne avessimo solo un numero limitato, la quantità di armi possedute da una delle potenze [nucleari] meno potenti, l’India o il Pakistan. La loro esplosione sarebbe stata sufficiente per creare un inverno nucleare dal quale nessun essere umano sarebbe sopravvissuto. Sarebbe impossibile, poiché durerebbe da 8 a 10 anni. Nel giro di poche settimane la luce del sole non sarebbe più stata visibile.

L’umanità ha meno di 200.000 anni. Finora tutto era normale. Le leggi della natura si stavano adempiendo; le leggi della vita si sono sviluppate sul pianeta Terra per più di 3 miliardi di anni. Gli uomini, gli Homo sapiens, gli esseri intelligenti non esistevano dopo che erano trascorsi 8 decimi di milione di anni, secondo tutti gli studi. Duecento anni fa, tutto era praticamente sconosciuto. Oggi conosciamo le leggi che governano l’evoluzione della specie. Scienziati, teologi, persino i religiosi più devoti che inizialmente facevano eco alla campagna lanciata dalle grandi istituzioni ecclesiastiche contro la teoria darwiniana, oggi accettano le leggi dell’evoluzione come reali, senza che ciò impedisca la loro pratica sincera delle loro credenze religiose dove, molto spesso, le persone trovano conforto per le loro difficoltà più sentite.

Penso che nessuno sulla Terra desideri che la specie umana scompaia. E questo è il motivo per cui sono dell’opinione che ciò che dovrebbe scomparire non siano solo le armi nucleari, ma anche quelle convenzionali. Dobbiamo fornire una garanzia di pace a tutti i popoli indistintamente, sia agli iraniani che agli israeliani. Le risorse naturali dovrebbero essere distribuite. Dovrebbero! Non intendo dire che lo faranno, o che sarebbe facile farlo. Ma non ci sarebbe altra alternativa per l’umanità, in un mondo di dimensioni e risorse limitate, anche se si sviluppasse tutto il potenziale scientifico per creare fonti energetiche rinnovabili. Siamo quasi 7 miliardi di abitanti, quindi dobbiamo attuare una politica demografica. Abbiamo bisogno di molte cose, e quando le metti tutte insieme e ti fai la seguente domanda: Gli esseri umani saranno in grado di capirlo e superare tutte quelle difficoltà? Ti rendi conto che solo l’entusiasmo può veramente portare una persona a dire che affronterà e risolverà facilmente un problema di tali proporzioni.

Michel Chossudovsky:   Quello che hai appena detto è estremamente importante, quando hai parlato di Truman. Truman ha detto che Hiroshima era una base militare e che non ci sarebbero stati danni ai civili.

Questa nozione di danno collaterale; riflette la continuità nella dottrina nucleare [americana] dall’anno 1945 fino ad oggi. Cioè, non a livello di realtà ma a livello di dottrina e propaganda [militare]. Voglio dire, nel 1945 si diceva: Salviamo l’umanità uccidendo 100.000 persone e neghiamo il fatto che Hiroshima fosse una città popolata, ovvero che fosse una base militare. Ma oggigiorno le falsità sono diventate molto più sofisticate, più diffuse e le armi nucleari sono più avanzate. Quindi, abbiamo a che fare con il futuro dell’umanità e la minaccia di una guerra nucleare a livello globale. Le bugie e le finzioni alla base del discorso politico e militare [degli Stati Uniti] ci porterebbero a una catastrofe mondiale in cui i politici non sarebbero in grado di far capire le proprie bugie.

Poi, hai detto che gli esseri umani intelligenti esistono da 200.000 anni, ma quella stessa intelligenza, che ora è stata incorporata in varie istituzioni, vale a dire i media, i servizi di intelligence, le Nazioni Unite, sembra essere ciò che ora ci distruggerà . Perché crediamo alle nostre stesse bugie, che ci portano alla guerra nucleare, senza renderci conto che questa sarebbe l’ultima guerra, come ha affermato chiaramente Einstein. Una guerra nucleare non può garantire la continuazione dell’umanità; è una minaccia contro il mondo.

Fidel Castro Ruz: Queste sono ottime parole, professore. Il danno collaterale, in questo caso, potrebbe essere l’umanità.

La guerra è un crimine e non c’è bisogno di alcuna nuova legge per descriverla come tale, perché da Norimberga la guerra è già stata considerata un crimine, il più grande crimine contro l’umanità e la pace, e il più orribile di tutti i crimini.

Michel Chossudovsky .- I testi di Norimberga affermano chiaramente: “La guerra è un atto criminale, è l’ultimo atto di guerra contro la pace”. Questa parte dei testi di Norimberga è spesso citata. Dopo la seconda guerra mondiale, gli alleati volevano usarlo contro i vinti, e non sto dicendo che questo non sia valido, ma i crimini che hanno commesso, compresi i crimini commessi contro la Germania e il Giappone, non vengono mai menzionati. Con un’arma nucleare, nel caso del Giappone.

Michel Chossudovsky .- È una questione estremamente importante per me e se parliamo di “contro-alleanza per la pace”, la criminalizzazione della guerra mi sembra un aspetto fondamentale. Sto parlando dell’abolizione della guerra; è un atto criminale che deve essere eliminato.

Fidel Castro Ruz – Ebbene, chi giudicherebbe i principali criminali?

Michel Chossudovsky .- Il problema è che controllano anche il sistema giudiziario e i tribunali, quindi anche i giudici sono criminali. Cosa possiamo fare?

Fidel Castro Ruz   Dico che questo fa parte della battaglia delle idee.

Si tratta di chiedere che il mondo non sia guidato in una catastrofe nucleare, ma di preservare la vita.

Non lo sappiamo, ma presumiamo che se l’uomo prendesse coscienza della propria esistenza, di quella del suo popolo, di quella dei suoi cari, anche i capi militari statunitensi ne sarebbero consapevoli; anche se nella vita viene insegnato a seguire gli ordini, non di rado genocidio, come nell’uso di armi nucleari tattiche o strategiche, perché questo è ciò che è stato insegnato nelle accademie [militari].

Poiché tutto ciò è pura follia, nessun politico è esente dal dovere di trasmettere queste verità alla gente. Bisogna crederci, altrimenti non ci sarebbe niente per cui lottare.        

Michel Chossudovsky .- Penso che quello che stai dicendo è che in questo momento, il grande dibattito nella storia umana dovrebbe concentrarsi sul pericolo di una guerra nucleare che minaccia il futuro dell’umanità, e che ogni discussione che abbiamo sui bisogni fondamentali o sull’economia richiede che impediamo il verificarsi della guerra e instauriamo la pace globale in modo da poter quindi pianificare gli standard di vita in tutto il mondo sulla base dei bisogni fondamentali; ma se non risolviamo il problema della guerra, il capitalismo non sopravviverà, giusto?          

Fidel Castro Ruz. – No, non può sopravvivere, in termini di tutte le analisi che abbiamo intrapreso, non può sopravvivere. Il sistema capitalista e l’economia di mercato che soffocano la vita umana non scompariranno dall’oggi al domani, ma l’imperialismo basato sulla forza, sulle armi nucleari e sulle armi convenzionali con la tecnologia moderna, deve scomparire se vogliamo che l’umanità sopravviva.

Ora, sta succedendo qualcosa in questo preciso momento che caratterizza il processo mondiale di disinformazione, ed è il seguente: in Cile 33 minatori sono rimasti intrappolati a 700 metri sottoterra e il mondo si rallegra alla notizia che 33 minatori sono stati salvati. Ebbene, semplicemente, cosa farà il mondo se si accorgerà che 6.877.596.300 persone hanno bisogno di essere salvate, se 33 hanno creato gioia universale e tutti i mass media parlano solo di questo in questi giorni, perché non salvare i quasi 7 miliardi di persone intrappolate dal terribile pericolo di morire in una morte orribile come quelle di Hiroshima o Nagasaki?

Michel Chossudovsky . -Questo è anche, chiaramente, il problema della copertura mediatica data a diversi eventi e della propaganda che emana dai media.

Penso che sia stata un’incredibile operazione umanitaria quella che hanno intrapreso i cileni, ma è vero che se c’è una minaccia per l’umanità, come hai detto, dovrebbe essere sulla prima pagina di ogni giornale del mondo perché la società umana nella sua totalità potrebbe essere vittima di una decisione che è stata presa, anche da un generale a tre stelle che non è a conoscenza delle conseguenze [delle armi nucleari].

Ma qui stiamo parlando di come i media, in particolare in Occidente, stanno nascondendo il problema più grave che potenzialmente colpisce il mondo oggi, che è il pericolo di una guerra nucleare e dobbiamo prenderlo sul serio, perché sia ​​Hillary Clinton che Obama hanno detto che hanno contemplato l’utilizzo di armi nucleari in una cosiddetta guerra preventiva contro l’Iran.

Ebbene, come rispondiamo? Cosa dice a Hillary Clinton e Barak Obama riguardo alle loro dichiarazioni sull’uso unilaterale di armi nucleari contro l’Iran, un paese che non rappresenta un pericolo per nessuno?      

Fidel Castro Ruz .- Sì, so due cose: di cosa si è discusso. Ciò è stato rivelato di recente, vale a dire argomenti di vasta portata all’interno del Consiglio di sicurezza degli Stati Uniti. Questo è il valore del libro scritto da Bob Woodward, perché ha rivelato come si sono svolte tutte queste discussioni. Conosciamo le posizioni di Biden, Hillary, Obama, e in effetti in quelle discussioni, che è stato più deciso contro l’estensione della guerra, che ha potuto discutere con i militari, è stato Obama, questo è un dato di fatto.

Sto scrivendo l’ultima riflessione, in realtà, su questo. L’unico che è arrivato lì e gli ha dato un consiglio, che era stato un avversario a causa della sua appartenenza al Partito Repubblicano, è stato Colin Powell. Gli ha ricordato che era il presidente degli Stati Uniti, incoraggiando consigli.

Penso che dovremmo garantire che questo messaggio raggiunga tutti; cosa abbiamo discusso. Penso che molti leggano gli articoli che hai pubblicato su Global Research.  Penso che dobbiamo divulgare, e nella misura in cui abbiamo queste discussioni e nutriamo l’idea della divulgazione. Sono lieto ogni volta che discuti, ragionevolmente, e esponi questi problemi, semplicemente, a mio avviso, c’è una reale carenza di informazioni per le ragioni che hai spiegato.

Ora, dobbiamo inventare. Quali sono i modi per far conoscere tutto questo? Al tempo dei Dodici Apostoli, erano 12 e non di più, e fu loro affidato il compito di diffondere gli insegnamenti trasmessi loro da un predicatore. Certo, avevano centinaia di anni davanti a loro. Noi, tuttavia, non l’abbiamo. Ma stavo guardando l’elenco delle personalità e ci sono più di 20 persone di spicco che hanno lavorato con Global Research, persone prestigiose, che fanno le stesse domande, ma non hanno centinaia di anni, ma, beh, pochissimo tempo .

Michel Chossudovsky . – Il movimento contro la guerra negli Stati Uniti, in Canada e in Europa è diviso. Alcune persone pensano che la minaccia provenga dall’Iran, altri dicono che [gli iraniani] sono terroristi e c’è molta disinformazione nel movimento stesso.

Inoltre, al Forum Sociale Mondiale la questione della guerra nucleare non fa parte del dibattito tra persone di sinistra o progressisti. Durante la Guerra Fredda si parlava del pericolo di un conflitto nucleare e la gente aveva questa consapevolezza.

Nell’ultimo incontro tenutosi a New York sulla non proliferazione, sotto le Nazioni Unite, l’accento è stato posto sulla minaccia nucleare da parte di entità non statali, da parte dei terroristi.

Il presidente Obama ha detto che la minaccia proviene da Al Qaeda, che possiede armi nucleari. Inoltre, se qualcuno legge i discorsi di Obama, sta suggerendo che i terroristi hanno la capacità di produrre piccole bombe nucleari, quelle che chiamano “bombe sporche”. Bene, è un modo per [distorcere i problemi] e spostare l’enfasi.

Fidel Castro Ruz. – Questo è ciò che gli dicono [Obama], questo è ciò che la sua gente gli dice e gli fa credere.

Guarda, cosa faccio con i riflessi? Sono distribuiti alle Nazioni Unite, vengono inviati a tutti i governi, le riflessioni, ovviamente, sono brevi, per inviarli a tutti i governi, e so che ci sono molte persone che li leggono. Il problema è se stai dicendo la verità o no. Certo, quando si raccolgono tutte queste informazioni in relazione a un problema particolare perché le riflessioni si diluiscono anche su tante questioni, ma credo che ci si debba concentrare da parte nostra, la divulgazione dell’essenziale, non posso coprire tutto.

Michel Chossudovsky . – Ho una domanda, perché c’è un aspetto importante legato alla rivoluzione cubana. A mio avviso, anche il dibattito sul futuro dell’umanità fa parte di un discorso rivoluzionario. Se la società nel suo insieme dovesse essere minacciata dalla guerra nucleare, è necessario in qualche modo avere una rivoluzione a livello di idee e azioni contro questo evento, [vale a dire la guerra nucleare].

Fidel Castro Ruz .- Dobbiamo dire, ripeto, che l’umanità è intrappolata a 800 metri sottoterra e che dobbiamo tirarla fuori, dobbiamo fare un’operazione di salvataggio. Questo è il messaggio che dobbiamo trasmettere a un gran numero di persone. Se le persone in gran numero credono in quel messaggio, faranno quello che stai facendo e sosterranno ciò che stai sostenendo. Non dipenderà più da chi sono quelli che lo dicono, ma dal fatto che qualcuno [e alla fine tutti] lo dicano.

Devi capire come puoi raggiungere le masse informate. La soluzione non sono i giornali. C’è Internet, Internet costa meno, Internet è più accessibile. Ti ho contattato tramite Internet alla ricerca di notizie, non tramite agenzie di stampa, non tramite la stampa, non dalla CNN, ma notizie tramite una newsletter che ricevo quotidianamente su Internet. Oltre 100 pagine ogni giorno.

Ieri sostenevi che negli Stati Uniti qualche tempo fa due terzi dell’opinione pubblica era contraria alla guerra all’Iran, e oggi il cinquanta per cento è favorevole all’azione militare contro l’Iran.

Michel Chossudovsky .- Quello che è successo, anche negli ultimi mesi, è stato detto: “Sì, la guerra nucleare è molto pericolosa, è una minaccia, ma la minaccia viene dall’Iran”, e c’erano cartelli a New York che dicevano: “Dì no all’Iran nucleare, “e il messaggio di questi manifesti era di presentare l’Iran come una minaccia alla sicurezza globale, anche se la minaccia non esisteva perché non hanno armi nucleari.

Comunque, questa è la situazione e il New York Times all’inizio di questa settimana ha pubblicato un testo che dice, sì, gli omicidi politici sono legali.

Poi, quando abbiamo una stampa che ci dà cose del genere, con la distribuzione che hanno, è molto lavoro [da parte nostra]. Abbiamo capacità limitate per invertire questo processo [di disinformazione dei media] all’interno dei limitati punti di distribuzione dei media alternativi. In aggiunta a ciò, ora molti di questi media alternativi sono finanziati dall’establishment economico.            

Fidel Castro Ruz .- Eppure dobbiamo combattere.

Michel Chossudovsky .- Sì, continuiamo a lottare, ma il messaggio era quello che hai detto ieri. Che nel caso di una guerra nucleare, il danno collaterale sarebbe l’umanità nel suo insieme.

Fidel Castro Ruz .- Sarebbe l’umanità, la vita dell’umanità.

Michel Chossudovsky.-    È vero che Internet dovrebbe continuare a funzionare come uno strumento di sensibilizzazione per evitare la guerra. 

Fidel Castro Ruz .- Beh, è ​​l’unico modo per impedirlo. Se dovessimo creare un’opinione mondiale, è come l’esempio che ho citato: ci sono quasi 7 miliardi di persone intrappolate a 800 metri sottoterra, usiamo il fenomeno del Cile per svelare queste cose.

Michel Chossudovsky .- Il confronto che fai con il salvataggio di 33 minatori, dicendo che ci sono 33 minatori sottoterra da salvare, che hanno ricevuto un’ampia copertura mediatica, e dici che abbiamo quasi 7 miliardi di persone a 800 metri sottoterra e Non capisco cosa stia succedendo, ma dobbiamo salvarli, perché l’umanità nel suo insieme è minacciata dalle armi nucleari degli Stati Uniti e dei suoi alleati, perché sono loro che dicono di volerle utilizzare.        

Fidel Castro Ruz .- E le userà [le armi nucleari] se non c’è opposizione, se non c’è resistenza. Sono ingannati; sono drogati con superiorità militare e tecnologia moderna e non sanno cosa stanno facendo.

Non capiscono le conseguenze; credono che la situazione prevalente possa essere mantenuta. È impossibile.

Michel Chossudovsky . – Oppure credono che questa sia semplicemente una sorta di arma convenzionale.           

Fidel Castro Ruz . – Sì, sono illusi e credono che tu possa ancora usare quell’arma. Credono di essere in un’altra epoca, non ricordano cosa disse Einstein quando affermò di non sapere con quali armi si sarebbe combattuta la Terza Guerra Mondiale, ma la Quarta Guerra Mondiale sarebbe stata combattuta con bastoni e pietre. Ho aggiunto lì: “… non ci sarebbe nessuno a maneggiare i bastoni e le pietre.” Questa è la realtà; Ce l’ho scritto lì nel breve discorso che mi hai suggerito di sviluppare.

Michel Chossudovsky .- Il problema che vedo è che l’uso di armi nucleari non porterà necessariamente alla fine dell’umanità da un giorno all’altro, perché l’impatto radioattivo è cumulativo.

Fidel Castro Ruz. – Ripeti, per favore.

Michel Chossudovsky . – L’arma nucleare ha diverse conseguenze: una è l’esplosione e la distruzione nel teatro di guerra, che è il fenomeno di Hiroshima, e l’altra sono gli impatti delle radiazioni che aumentano nel tempo.           

Fidel Castro Ruz – Sì, inverno nucleare, come lo chiamiamo. Il prestigioso ricercatore americano, professore emerito dell’Università di Rutgers (New Jersey) Alan Robock ha dimostrato inconfutabilmente che lo scoppio di una guerra tra due delle otto potenze nucleari che possiedono il minor numero di armi di questo tipo si tradurrebbe in un “inverno nucleare”.

Lo ha rivelato alla ribalta di un gruppo di ricercatori che hanno utilizzato modelli di computer ultra-scientifici.

Basterebbe avere 100 armi nucleari strategiche delle 25.000 possedute dalle otto potenze citate che esplodono per creare temperature sotto lo zero in tutto il pianeta e una lunga notte che durerebbe circa otto anni. Il professor Robock esclama che è così terribile che le persone cadano in uno “stato di negazione”, non volendo pensarci; è più facile fingere che non esista ”. Me l’ha detto personalmente, a una conferenza internazionale che stava tenendo, dove ho avuto l’onore di conversare con lui.

Bene, ma parto da un presupposto: se scoppia una guerra in Iran, inevitabilmente diventerà una guerra nucleare e una guerra globale. Ecco perché ieri stavamo dicendo che non era giusto consentire un simile accordo in Consiglio di Sicurezza, perché rende tutto più facile, vedi?

Una simile guerra in Iran oggi non rimarrebbe confinata al livello locale, perché gli iraniani non cederebbero all’uso della forza. Se rimanesse convenzionale, sarebbe una guerra che gli Stati Uniti e l’Europa non potrebbero vincere, e io sostengo che si trasformerebbe rapidamente in una guerra nucleare. Se gli Stati Uniti commettessero l’errore di usare armi nucleari tattiche, ci sarebbe costernazione in tutto il mondo e alla fine gli Stati Uniti perderebbero il controllo della situazione.

Obama ha avuto un’accesa discussione con il Pentagono su cosa fare in Afghanistan; immagina la situazione di Obama con i soldati americani e israeliani che combattono contro milioni di iraniani. I sauditi non combatteranno in Iran, né i pakistani o altri soldati arabi o musulmani. Quello che potrebbe accadere è che gli yankee abbiano seri conflitti con le tribù pakistane che stanno attaccando e uccidendo con i loro droni, e lo sanno. Quando sferrate un colpo contro quelle tribù, prima attaccando e poi avvertendo il governo, senza dire nulla in anticipo; questa è una delle cose che irrita i pakistani. C’è un forte sentimento anti-americano lì.

È un errore pensare che gli iraniani si arrenderebbero se usassero armi nucleari tattiche contro di loro, e il mondo sarebbe davvero scioccato, ma allora potrebbe essere troppo tardi.

Michel Chossudovsky .- Non possono vincere una guerra convenzionale.          

Fidel Castro Ruz .- Non possono vincere.

Michel Chossudovsky . – E che possiamo vedere in Iraq; in Afghanistan possono distruggere un intero paese, ma non possono vincere dal punto di vista militare.          

Fidel Castro Ruz. – Ma distruggerlo [un paese] a quale prezzo, a quale prezzo per il mondo, a quali costi economici, nella marcia verso la catastrofe? I problemi che hai citato sono aggravati, il popolo americano reagirebbe, perché il popolo americano è spesso lento a reagire, ma alla fine reagisce. Il popolo americano reagisce alle vittime, ai morti.

Molte persone hanno sostenuto l’amministrazione Nixon durante la guerra in Vietnam, ha persino suggerito a Kissinger l’uso di armi nucleari in quel paese, ma lo ha dissuaso dal compiere quel passo criminale. Gli Stati Uniti furono obbligati dal popolo americano a porre fine alla guerra; doveva negoziare e doveva cedere il sud. L’Iran dovrebbe rinunciare al petrolio nell’area. In Vietnam cosa hanno consegnato? Una spesa. Alla fine, ora sono tornati in Vietnam, a comprare petrolio, a commerciare. In Iran perderebbero molte vite e forse gran parte degli impianti petroliferi nell’area verrebbe distrutta.

Nella situazione attuale, è probabile che non capirebbero il nostro messaggio. Se scoppiasse la guerra, la mia opinione è che loro e il mondo non guadagnerebbero nulla. Se fosse solo una guerra convenzionale, il che è molto improbabile, perderebbero irrimediabilmente e se diventasse una guerra nucleare globale, l’umanità perderebbe.

Michel Chossudovsky .- L’Iran ha forze convenzionali che sono… significative.

Fidel Castro Ruz .-   Milioni.

Michel Chossudovsky .- Forze terrestri, ma anche missili e anche l’Iran ha la capacità di difendersi.

 Fidel Castro Ruz.-   Anche se rimane un solo uomo con una pistola, questo è un nemico che dovranno sconfiggere.

Michel Chossudovsky –   E ce ne sono diversi milioni con le pistole.

 Fidel Castro Ruz.-   Milioni, e dovranno sacrificare molte vite americane, purtroppo sarebbe solo allora che gli americani reagirebbero, se non reagiscono ora reagiranno più tardi quando sarà troppo tardi; dobbiamo scrivere, dobbiamo divulgarlo il più possibile. Ricorda che i cristiani furono perseguitati, li condussero alle catacombe, li uccisero, li gettarono ai leoni, ma mantennero le loro convinzioni per secoli e in seguito fu quello che fecero ai musulmani, e mai i musulmani ceduto.

C’è una vera guerra contro il mondo musulmano. Perché queste lezioni di storia vengono dimenticate? Ho letto molti degli articoli che hai scritto sui rischi di quella guerra.

Michel Chossudovsky .- Torniamo alla questione dell’Iran. Credo che sia molto importante che l’opinione mondiale comprenda lo scenario di guerra. Dichiari chiaramente che perderebbero la guerra, la guerra convenzionale, la stanno perdendo in Iraq e in Afghanistan, l’Iran ha forze più convenzionali di quelle della NATO in Afghanistan.

 Fidel Castro Ruz .-   Molto più esperto e motivato. Ora sono in conflitto con quelle forze in Afghanistan e Iraq e una di cui non parlano: i pakistani della stessa etnia di quelli della resistenza in Afghanistan. Nelle discussioni della Casa Bianca, ritengono che la guerra sia persa, questo è ciò che ci dice il libro di Bob Woodward intitolato “ Le guerre di Obama” . Immagina la situazione se oltre a ciò, aggiungono una guerra per liquidare ciò che rimane dopo i colpi iniziali che hanno inflitto all’Iran.

Quindi saranno spinti in una situazione di guerra convenzionale che non possono vincere, o saranno obbligati a condurre una guerra nucleare globale, in condizioni di sconvolgimento mondiale. E non so chi può giustificare il tipo di guerra che devono intraprendere; hanno 450 bersagli segnati in Iran, e di questi alcuni, secondo loro, dovranno essere attaccati con testate nucleari tattiche a causa della loro posizione in aree montuose e alla profondità alla quale si trovano [sottoterra]. Molti membri del personale russo e persone di altre nazionalità che collaborano con loro moriranno in quello scontro.

Quale sarà la reazione dell’opinione pubblica mondiale di fronte a quel colpo che oggi viene irresponsabilmente promosso dai media con il sostegno di molti americani?

Michel Chossudovsky .- Una questione, Iran, Iraq, Afghanistan, sono tutti paesi vicini in un certo modo. L’Iran condivide i confini con l’Afghanistan e con l’Iraq, e gli Stati Uniti e la NATO hanno strutture militari nei paesi che occupano. Che cosa accadrà? Suppongo che le truppe iraniane stiano per attraversare immediatamente il confine.

Fidel Castro Ruz –   Beh, non so quale tattica useranno, ma se ne fosse una al loro posto, la cosa più consigliabile è non concentrare le truppe, perché se le truppe sono concentrate ne saranno vittime l’attacco con armi nucleari tattiche. In altre parole, in accordo con la natura della minaccia così come viene descritta, la cosa migliore sarebbe che usassero una tattica simile alla nostra nell’Angola meridionale quando sospettavamo che il Sudafrica avesse armi nucleari; abbiamo creato gruppi tattici di 1000 uomini con potenza di fuoco terrestre e antiaerea. Le armi nucleari non potrebbero mai alla loro portata colpire un gran numero di soldati. I missili antiaerei e altre armi simili stavano supportando le nostre forze. Le armi e le condizioni del terreno cambiano e le tattiche devono cambiare continuamente.

Michel Chossudovsky .- Disperso.

Fidel Castro Ruz .-   Uomini dispersi, ma non isolati, c’erano circa 1000 uomini con armi adeguate, il terreno era sabbioso, dovunque arrivassero dovevano scavare e proteggersi sottoterra, mantenendo sempre la massima distanza tra i componenti. Al nemico non è mai stata data l’opportunità di sferrare un colpo decisivo contro i 60.000 soldati cubani e angolani nel sud dell’Angola.

Quello che abbiamo fatto in quel paese gemello è quello che avrebbero fatto un migliaio di forti eserciti, operanti con criteri tradizionali. Bene, non eravamo 100.000, nel sud dell’Angola c’erano 60.000 uomini, cubani e angolani; per esigenze tecniche i gruppi tattici erano costituiti principalmente da cubani perché gestivano carri armati, razzi, cannoni antiaerei, comunicazioni, ma la fanteria era composta da soldati cubani e angolani, con grande spirito combattivo, che non esitavano uno secondo nell’affrontare l’esercito bianco dell’apartheid sostenuto da Stati Uniti e Israele. Chi ha maneggiato le numerose armi nucleari che avevano in quel momento?

Nel caso dell’Iran, stiamo ricevendo notizie che stanno scavando nel terreno e, quando gli viene chiesto, dicono che stanno costruendo cimiteri per seppellire gli invasori. Non so se questo debba essere ironico, ma penso che si dovrebbe davvero scavare un bel po ‘per proteggere le proprie forze dall’attacco che le sta minacciando.

Michel Chossudovsky .- Certo, ma l’Iran ha la possibilità di mobilitare milioni di truppe.

Fidel Castro Ruz.-   Non solo le truppe, ma anche i posti di comando sono decisivi. Secondo me, la dispersione è molto importante. Gli aggressori cercheranno di impedire la trasmissione degli ordini. Ogni unità combattente deve sapere in anticipo cosa deve fare in circostanze diverse. L’attaccante proverà a colpire e destabilizzare la catena di comando con le sue armi radioelettroniche. Tutti questi fattori devono essere tenuti a mente. L’umanità non ha mai vissuto una situazione simile.

Ad ogni modo, l’Afghanistan è “uno scherzo” e anche l’Iraq, quando li paragoni a ciò che stanno per incontrare in Iran: le armi, l’addestramento, la mentalità, il tipo di soldato … Se 31 anni fa, i combattenti iraniani pulivano i campi minati avanzando su di essi, saranno senza dubbio i più temibili avversari che gli Stati Uniti abbiano mai incontrato.

*Michel Chossudovsky è stato professore di economia all’Università di Manchester, autore di molti libri sulle relazioni internazionali e ricercatore geopolitico. Consigliere di molti leader progressisti è fondatore di Global Research

Fonte: Global Research – Canada

https://www.globalresearch.ca/latest-news-and-top-stories

Precedente Il 23 giugno Cuba presenterà nella ONU la sua relazione contro il blocco Successivo La Turchia odierna, un problema mondiale