Dichiarazione PSL/USA: per un ritiro completo – Stati Uniti fuori dal Medio Oriente!

 

da Liberation/USA

 

 

 

 

Lo slogan “US Out of the Middle East” non dovrebbe essere controverso per qualsiasi lavoratore di sinistra o di classe. La decisione di rimuovere 2.000 soldati statunitensi dalla Siria deve essere estesa e deve includere gli oltre 5.000 “contractors” stimati, cioè i mercenari. Il bombardamento statunitense, ovunque in Siria, è una violazione della sovranità del paese e del diritto internazionale. Il ritiro e la partenza delle forze americane conferma la sconfitta dell’imperialismo occidentale in Siria, dopo sette anni di guerra catastrofica. Questo è il motivo per cui la classe dirigente americana – da quella liberale a quella conservatrice – è agitata per la decisione di Trump e perché i media delle multinazionali urlano come se il cielo stesse cadendo.

Crea anche una nuova grave crisi politica per l’amministrazione Trump. Sebbene Trump sia tecnicamente il “comandante in capo”, il presidente funziona principalmente come manager per gli interessi collettivi della borghesia. Questi interessi collettivi sono principalmente salvaguardati attraverso la burocrazia permanente delle istituzioni dello stato, e per l’imperialismo USA il capo di quelle istituzioni è anche l’alto comando militare. Le dimissioni del generale James “Mad Dog” Mattis (Cane Pazzo-ndt) segnala che questo settore della classe dominante ha iniziato a ribellarsi anche contro di lui e che la destabilizzazione dell’impero di Trump è intollerabile per loro; se sia in grado di sopravvivere a questa lotta all’interno della classe dominante, nel mezzo di un crollo del mercato azionario, con un probabile arresto del governo e alle molteplici indagini sulla corruzione, è una questione aperta.

Per quanto riguarda la situazione dei curdi nella Siria nord-orientale, il PYD / YPG non è un novizio politico. Sapevano che questo momento sarebbe arrivato, anche se il giorno preciso era una sorpresa. La complicità degli Stati Uniti nell’invasione turca di Afrin all’inizio di quest’anno, le dichiarazioni contraddittorie dei principali funzionari della Casa Bianca, sullo sfondo di un secolo di pugnalate imperialiste alle forze curde, hanno messo in chiaro che non si può contare su nessuna potenza occidentale per proteggere il popolo curdo. Una considerevole fazione all’interno delle forze curde in Siria da tempo chiede un riorientamento verso un’alleanza con il governo siriano – come è accaduto in diverse occasioni durante la guerra -, come durante la battaglia per Aleppo. Un accordo  che si baserebbe sulla preservazione dell’integrità territoriale dello stato siriano,

Il PSL si oppone a qualsiasi invasione turca della Siria e alla sua guerra genocida contro il popolo curdo all’interno e all’esterno della Turchia. Sosteniamo le forze siriane e curde nella difesa della loro patria contro il sogno di Erdogan di creare un impero neo-ottomano. Ci opponiamo a qualsiasi richiesta, tuttavia, affinché le truppe statunitensi rimangano in Siria, come se Trump non avesse già tranquillamente accettato la guerra di Erdogan e come se una parte della NATO fosse in qualche modo una forza benigna contrapposta ad un’altra. L’unica strada verso la liberazione nazionale e l’autodeterminazione si basa sull’alleanza tra arabi, curdi e tutti i popoli della regione contro le potenze della NATO che l’hanno divisa e invasa per oltre un secolo.

Stati Uniti fuori dal Medio Oriente!

https://www.liberationnews.org/statement-for-a-full-withdrawal-u-s-out-of-the-middle-east/?utm_source=one_signal&utm_medium=desktop_alert&utm_campaign=liberationnews

Precedente Quattro successi della politica estera venezuelana nel 2018 Successivo Fortezza Venezuela