Crea sito

Il popolo peruviano trionfa sullo sforzo di estrema destra di rubare le elezioni

La giuria nazionale delle elezioni del Perù (JNE) ha dichiarato oggi che Pedro Castillo è il vincitore ufficiale delle elezioni presidenziali del mese scorso. Questo ha ufficialmente segnato la sconfitta dei tentativi del contendente di estrema destra Keiko Fujimori di rovesciare la volontà democratica del popolo peruviano con false accuse di frode. Una revisione completata dal JNE ha rilevato che Castillo aveva ricevuto 44.058 voti in più di Fujimori, aprendo la strada alla vittoria ufficiale di Castillo. 

Castillo è un insegnante rurale e leader sindacale che è salito alla ribalta come leader di un grande sciopero nel 2017. Era il candidato del partito politico Peru Libre (Perù libero), fondato sulle idee di Karl Marx, Vladimir Lenin e José Carlos Mariátegui. Fujimori sta affrontando gravi accuse di corruzione ed è la figlia dell’ex dittatore fascista Alberto Fujimori, che ha governato il paese dal 1990 al 2000. 

La vittoria di Castillo alle elezioni del 6 giugno, resa possibile dal sostegno schiacciante tra la classe operaia rurale a lungo esclusa del Perù, è stata immediatamente contestata. Dopo che i voti sono stati contati, le élite si sono radunate attorno alla famiglia Fujimori per rubare le elezioni usando false accuse di frode. Vladimiro Montesinos, braccio destro di Alberto Fujimori e noto asset della CIA, è stato catturato nell’audio mentre ordinava alla campagna di Fujimori di corrompere i membri della commissione elettorale con 1 milione di dollari ciascuno. Si sente anche Montesinos chiedere alla campagna di Fujimori di coinvolgere la CIA e l’ambasciata degli Stati Uniti in Perù per aiutare a manipolare l’esito a favore di Fujimori in quella che ha definito “guerra non convenzionale”.

Nonostante tutti i tentativi illegali di frode, la campagna di Castillo ha prevalso con un enorme sostegno dalle campagne e dalla classe operaia di tutte le parti del paese. Mentre il consiglio elettorale ha trascinato l’esito per settimane considerando le ridicole obiezioni di Fujimori, sono state le persone che si sono mobilitate per difendere il voto. Queste mobilitazioni pro-Castillo sono state cruciali per assicurare l’esito di oggi. Hanno coinvolto non solo Peru Libre, ma una vasta gamma di sindacati, organizzazioni politiche di sinistra e movimenti sociali uniti in difesa della democrazia. 

Castillo ha condotto una campagna che proponeva cambiamenti per sfidare drasticamente l’attuale ordine economico capitalista neoliberista costruito in gran parte sotto il governo di Alberto Fujimori. Negli ultimi anni, la politica peruviana è stata dilaniata da scandali di corruzione che hanno coinvolto un gran numero di politici di alto livello provenienti da una varietà di partiti dell’establishment. Milioni di peruviani sono scesi in piazza durante questo periodo chiedendo la fine del governo dei funzionari corrotti e delle ingiustizie sociali che contribuiscono a sostenere. Questo movimento ha avanzato la richiesta per la creazione di un’assemblea costituente per scrivere una nuova costituzione per il Perù, che è diventata un pezzo centrale della campagna di Castillo.  

Le condizioni dei lavoratori in Perù sono state orribili durante la pandemia di COVID-19, con povertà e fame alle stelle mentre il bilancio delle vittime della malattia aumenta. Le persone stanno cercando urgentemente un’alternativa per affrontare la profonda disuguaglianza e le ingiustizie nella società. 

Non ci sono dubbi sul perché Castillo abbia vinto le elezioni. Ha condotto una campagna che ha sfidato coloro che hanno governato il Perù per così tanto tempo a spese della maggioranza. Come dimostra la lotta per far riconoscere legalmente la sua vittoria elettorale, il movimento popolare sarà decisivo nel determinare se questa lotta contro l’élite avrà successo o meno.

Fonte: Liberation News – USA