L’ONU chiede di revocare il blocco criminale del Venezuela a causa dei suoi effetti devastanti

 

Riportiamo la prima parte di un lunghissimo servizio relativo all’istanza presentata dall’ONU sulla revoca delle illegali sanzioni unilaterali statunitensi contro il Venezuela

Dati gli “effetti devastanti” che le famigerate sanzioni economiche, commerciali, politiche e mediatiche hanno avuto dai governi degli Stati Uniti e di altri paesi in seguito ai dettami di Washington contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela, l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha chiesto il 12 febbraio per revocare tali restrizioni perché hanno gravemente compromesso la vita dei cittadini, fatto che viola i diritti umani.

L’esortazione, infatti, è stata fatta dalla Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sull’impatto negativo delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei Diritti Umani, Alena Douhan, al termine di una visita di 12 giorni nel Paese, in cui ha incontrato decine di persone per capire, ha detto, una “situazione molto complessa e allarmante” .

Sebbene le osservazioni presentate in conferenza stampa siano preliminari, ha chiarito il relatore, sono scaturite da un “dialogo franco e aperto” in cui si sono svolte “consultazioni esaustive con un’ampia gamma di interlocutori” .

Diagnosi

Il Venezuela deve far fronte a una carenza di varie categorie come macchinari, pezzi di ricambio, elettricità, acqua, carburante, gas, cibo e medicine, mentre i beni del paese che sono congelati nelle banche di Stati Uniti, Regno Unito e Portogallo rappresentano 6.000 milioni di dollari.

Il rapporto, che il relatore ha letto di fronte a decine di giornalisti, stima inoltre che dal 2015 il numero di venezuelani che hanno lasciato il Paese in cerca di una vita migliore oscilli tra 1 e 5 milioni, anche se la stessa ONU stima che siano 5,4 milioni di emigranti in questo momento.

Secondo la lettera, i servizi pubblici, che da anni subiscono numerosi fallimenti, hanno subito una riduzione dal 30 al 50% del personale, mentre sono oltre 2,5 milioni le persone che soffrono di grave insicurezza alimentare.

“Quattro anni di iperinflazione hanno portato alla svalutazione totale della moneta nazionale”, ha detto Douhan, per ricordare in seguito che circa il 90% della popolazione riceve meno di 10 dollari al mese, che è sufficiente per meno dell’1% della popolazione. L’alimentazione indispensabile viene affrontata con l’offerta pubblica di un paniere di cibo ma questo sforzo non solleva la condanna alla povertà estrema.

I problemi di trasporto, causati tra l’altro dalla scarsità di benzina, nonché dalla mancanza di elettricità e da una ridotta copertura di telefoni cellulari e Internet, mettono in pericolo il godimento del diritto all’istruzione.

Le sanzioni

“Le sanzioni unilaterali imposte, sempre di più, dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea (UE) e da altri Paesi hanno esacerbato le calamità (in Venezuela)”, ha spiegato Douhan, che ha ricordato che il Paese oggi riceve meno dell’1% del reddito prima dell’inizio delle misure di esecuzione.

Principalmente dagli Stati Uniti, ma anche da altri paesi americani ed europei, sono state applicate centinaia di sanzioni contro i funzionari della cosiddetta rivoluzione bolivariana e sul sistema finanziario nazionale.

Questo embargo economico include il divieto di fare affari con la compagnia petrolifera statale PDVSA o il congelamento dei beni della Banca Centrale del Venezuela (BCV), ma anche il fatto che gli Stati Uniti hanno cercato di impedire al Venezuela di ricevere carburante dall’Iran e ci sono state “minacce” e “pressioni” affinché terzi non firmassero contratti con Caracas.

Anche nel quadro delle sanzioni, che sono per lo più sostenute dalla designazione del governo di Nicolás Maduro come “dittatura”, il Venezuela, o almeno l’Esecutivo, non ha potuto accedere al denaro pubblico venezuelano depositato all’estero.

Il relatore ha sottolineato che sanzionare settori economici come il petrolio, l’oro, l’estrazione mineraria e altri, la compagnia aerea statale e l’industria della televisione di Stato costituiscono “una violazione del diritto internazionale e la sua illegalità non è esclusa facendo riferimento alle contromisure“.

In tal senso, ha ricordato che i beni della BCV e i beni utilizzati per funzioni pubbliche appartengono allo Stato venezuelano e non al Governo e, quindi, il congelamento di queste risorse “viola i diritti sovrani del Paese e impedisce al suo Governo dall’esercitare il proprio dovere di garantire i bisogni della popolazione”.

Raccomandazioni

Douhan conclude che le sanzioni imposte al Paese “colpiscono il popolo venezuelano” e “hanno esacerbato le calamità economiche e umanitarie esistenti”, che “hanno avuto un effetto devastante su tutta la popolazione”.

Questo, inoltre, lascia le persone sempre più dipendenti dall’assistenza sociale di un Governo che tradizionalmente ha utilizzato le importazioni per soddisfare i bisogni alimentari e sanitari, e ora non è in grado di soddisfare queste richieste, tra le altre ragioni, per la quasi totale perdita del loro potere d’acquisto.

Il relatore ha sottolineato “l’inammissibilità dell’applicazione di sanzioni extraterritoriali” e ha esortato il governo degli Stati Uniti a “riconsiderare e revocare le sanzioni imposte al settore pubblico venezuelano”, nonché a “rivedere e revocare le sanzioni secondarie imposte ai paesi terzi”, collegate alla tensione tra Caracas e Washington.

L’appello ha anche indirizzato tutti gli stati a rivedere e revocare sanzioni selettive “per garantire che i funzionari del governo venezuelano possano rappresentare lo stato sulla base del principio dell’uguaglianza sovrana”.

Allo stesso modo, il governo Maduro è invitato a, insieme alle agenzie delle Nazioni Unite, negoziare un accordo per “garantire la distribuzione trasparente, equa e non discriminatoria dei beni essenziali e degli aiuti umanitari sotto il controllo indistintamente delle istituzioni internazionali”.

Douhan ha detto di essere preoccupata per la mancanza di personale sanitario e medicinali in Venezuela, quindi si è rammaricata che i tentativi di liberare i fondi congelati del paese all’estero non abbiano avuto successo perché, ha osservato, sarebbero stati utilizzati per alleviare questa situazione.

Allo stesso modo, era attenta alla “sorveglianza e al perseguimento” del personale delle ONG coinvolto nel lavoro umanitario e all’assenza di norme provvisorie che regolassero il lavoro di queste associazioni nel paese, per le quali ritiene necessario stabilire una chiaro e non discriminatorio quadro giuridico a tale riguardo.

Reazioni

L’opposizione venezuelana ha accusato la relatrice di aver seguito la narrativa del Governo sulle sanzioni economiche al suo Paese, sebbene Douhan abbia assicurato in conferenza stampa che il suo lavoro è governato dalla totale indipendenza.

“Ci rammarichiamo che un relatore delle Nazioni Unite si presti alla propaganda e alla narrativa che esenta il regime dalla sua responsabilità nell’emergenza umanitaria e nella violazione dei diritti umani nel paese”, ha detto su Twitter l’ex parlamentare Miguel Pizarro.

L’opponente ha indicato che la relatrice ha fatto delle inesattezze perché, secondo lei, non ha menzionato “questioni come la corruzione, l’inefficienza, la violenza politica e l’uso della fame come strumento di controllo sociale e politico” .

Maduro, da parte sua, ha riconosciuto che la crisi umanitaria del Venezuela è “enorme” e ha ribadito la sua denuncia secondo cui è causata da sanzioni, nonostante la situazione critica fosse iniziata anni prima che il paese fosse sanzionato.

“Oggi la relatrice ha invitato il governo degli Stati Uniti, i governi dell’Unione europea (UE) a rivedere le sanzioni e revocarle contro il Venezuela perché hanno esacerbato una gigantesca, enorme crisi umanitaria contro il popolo”, ha detto.

Fonte: Cronicón – Argentina

https://cronicon.net/wp/

Precedente Il futuro saprà tenere presente gli orrori del passato? Successivo Il vaccino cubano visto dall'Italia...