L’11 settembre è stato il preludio. 1/6 è il Santo Graal

 

Biden l’autore del nucleo portante del Patriot Act scritto nel 1994 e attuato dopo l’11 settembre 2001, sarà ancora con il cervello al suo posto?

di Pepe Escobar*

L’arrivo di una guerra civile dipenderà dal grado di stoicismo prevalente tra le moltitudini deplorevoli

Sento i figli della città e dei diseredati
Scendi, spogliati
Diventa carino ma tu ed io
Abbiamo il regno, abbiamo la chiave
Abbiamo l’impero, ora come allora
Non dubitiamo, non prendiamo la direzione
Lucrezia, il mio riflesso, il fantasma balla con me

The Sisters Of Mercy

(Questo testo si riferisce alla canzone/video omonima –Lucrezia il mio riflesso– del gruppo post-punk gothic britannico “The Sisters of Mercy”, Le Sorelle della Misericordia, fruibile a fine testo-ndt.)

***

L’11 settembre è stato il preludio. 1/6 è il Santo Graal.

L’11 settembre ha aperto le porte alla guerra globale al terrorismo (GWOT), successivamente ammorbidito dal Team Obama allo status di Operazioni di Contingenza Oltreoceano (OCO) anche se è stato soavemente esteso al bombardamento, palese o nascosto, di sette nazioni.

L’11 settembre ha aperto le porte al Patriot Act, il cui nucleo era già stato scritto nel lontano 1994 da Joe Biden. (…si proprio lui!-ndt.)

1/6 apre le porte alla Guerra al terrore domestico e al Patriot Act from Hell, 2.0, sugli steroidi (ecco la bozza del 2019 qui), le 20.000 pagine intere che spuntano casualmente dal mare come Venere, il giorno dopo, subito pronte a rotolare.

E come inevitabile compagno del Patriot Act 2.0, ci sarà la guerra oltreoceano, con il ritorno in piena forza, senza ostacoli, di ciò che l’ex analista della CIA Ray McGovern ha battezzato memorabilmente MICIMATT (Military-Industrial-Congressional-Intelligence-Media-Academia-Think Tank) complesso.

E quando MICIMATT inizierà la prossima guerra, ogni singola protesta sarà bollata come terrorismo interno.

Il finto colpo di stato

Qualunque cosa sia realmente accaduta l’1 / 6 nel Valhalla militarizzato di una superpotenza che ha speso innumerevoli miliardi di dollari per la sicurezza dall’inizio del millennio, l’elaborato circo psico / fotografico – completo di un attore MAGA Viking strategicamente fotogenico – non sarebbe mai potuto avvenire se non gli fosse stato permesso di accadere.

Il dibattito infurierà fino al Kingdom Come sul fatto che l’irruzione sia stata organica – un’iniziativa di poche centinaia tra almeno 10.000 manifestanti pacifici che circondano il Campidoglio – o piuttosto una falsa bandiera di una rivoluzione colorata da playbook istigata da una quinta colonna infiltrata e professionale di agenti provocatori.

Ciò che conta è il risultato finale: il prodotto fabbricato – “l’insurrezione di Trump” – a tutti gli effetti ha seppellito la presentazione, già in corso, di prove di frode elettorale al Campidoglio, e ridotto la massiccia manifestazione precedente di mezzo milione di persone a “terrorismo interno”.

Non è stato certamente un “colpo di stato”. Il massimo stratega militare Edward Luttwak, che ora consiglia il Pentagono sulla guerra informatica, ha twittato: “nessuno fa un colpo di stato durante il giorno”. Quello era solo “uno spettacolo, persone che esprimono emozioni”, un vero e proprio finto colpo di stato che non ha comportato incendi dolosi o saccheggi diffusi, e relativamente poca violenza (confrontalo con Maidan 2014): parla di “insurrezionalisti” che camminano all’interno del Campidoglio rispettando le tende di velluto .

Una settimana prima del 6 giugno, un’intelligence di Deep State dissidente ma ancora molto connessa ha offerto questa visione fredda e spassionata del quadro generale:

“Tel Aviv ha tradito Trump con un nuovo accordo con Biden e così lo hanno gettato in strada. Sheldon Adelson e la mafia non hanno problemi a cambiare schieramento verso il vincitore con le buone o con le cattive. Anche Pence e McConnell hanno tradito Trump. Era come se Trump fosse entrato nel Senato romano come Giulio Cesare per essere pugnalato a morte. Qualsiasi accordo che Trump farà con il sistema o Deep State non verrà mantenuto e stanno segretamente parlando di metterlo a parte per sempre. Trump ha la carta vincente. Legge marziale. Tribunali militari. La legge sull’insurrezione. La domanda è se la giocherà. La guerra civile sta arrivando indipendentemente da quello che gli succederà, prima o poi.”

L’arrivo di una guerra civile dipenderà dal grado di stoicismo prevalente tra le moltitudini deplorevoli.

Alastair Crooke ha brillantemente delineato le tre principali questioni che caratterizzano l ‘“Epifania” di Red America (Gli Stati repubblicani-ndt.): elezioni rubate, blocco come strategia premeditata per la distruzione delle piccole e medie imprese e la terribile prospettiva di “cancellazione” da parte di un imminente “totalitarismo morbido” orchestrato da Big Tech.

Indizio di un cadavere che legge un teleprompter, noto anche come il presidente eletto, e le sue stesse minacciose parole dopo l’1/6: “Non osare chiamarli manifestanti. Erano una folla ribelle. Insurrezionalisti. Terroristi domestici”. Certe cose non cambiano mai. George W. Bush, subito dopo l’11 settembre: “O sei con noi, o con i terroristi“.

Questa è la narrativa egemonica, scolpita nella pietra, ora implementata con un pugno di ferro da Big Tech. Prima vengono per POTUS (L’account Twitter di Trump-ndt.). Poi vengono per te. Chiunque, ovunque, non seguendo il diktat Techno-Feudalista di Big Tech SARÀ cancellato.

Ciao ciao signorina American Pie… (Film e saga tv fine anni ’90, blandamente ironica e spensierata-ndt.)

Ed è per questo che il dramma è molto, molto più grande di un semplice POTUS discombobato.

Ogni singola istituzione controllata dalla classe dirigente – dalle scuole ai mass media al modo in cui sono regolamentati i luoghi di lavoro – inseguirà i Deplorabili senza pietà.

Il killer e bugiardo professionista della CIA John Breenan, il concettualizzatore chiave del Russiagate completamente sfatato, ha twittato sulla necessità, in pratica, di organizzare campi di rieducazione. I premiati dei media hanno chiesto “la pulizia del movimento”.

Politicamente, i Deplorabili hanno solo il Trumpismo. Ed è per questo che il trumpismo, con una possibile strada per diventare una terza parte consolidata, deve essere distrutto. Per quanto lo 0,0001% sia più terrorizzato dalla possibilità di secessione o rivolta armata, hanno bisogno di un’azione urgente e preventiva contro quello che è, per ora, un movimento nazionalista di massa, per quanto rudemente le sue proposte politiche.

Lo “sconosciuto sconosciuto”, per evocare il famigerato neo-con Donald Rumsfeld, è se la plebe esasperata alla fine raggiungerà i forconi e renderà ingovernabile l’hacienda feudale dello 0,0001%. E poi c’è un elemento letteralmente fumante: quel mezzo miliardo di pistole là fuori.

Lo 0,0001% sa per certo che Trump, dopotutto, non è mai stato un agente di cambiamento rivoluzionario radicale. Incoately, ha canalizzato le speranze e le paure di Red America. Ma invece del promesso palazzo sfavillante adornato d’oro, ciò che consegnò fu una baracca nel deserto.

Nel frattempo, l’America rossa, intuitivamente, ha capito che Trump almeno era un canale utile. Ha messo a nudo come si muove effettivamente la palude corrotta. Come queste “istituzioni” sono semplici burattini aziendali – e ignorano completamente l’uomo comune. Come la magistratura è completamente corrotta – quando anche POTUS non può ottenere un’udienza. In che modo Pharma e Tech hanno effettivamente ampliato il MICIMATT (MICIMAPTT?) E soprattutto, come il paradigma delle due parti sia una mostruosa bugia.

Allora, dove andranno 75 milioni di elettori senza diritto di voto o 88 milioni di follower su Twitter?

Allo stato attuale, siamo profondamente coinvolti in Hardcore Class War. I Top of the Scam Gang hanno il pieno controllo. I resti di “Democrazia” sono gelati nella Mediacrazia. Davanti a loro, non c’è nient’altro che una spietata epurazione, un giro di vite prolungato, censura, sorveglianza globale, distruzione delle libertà civili, una singola narrazione, cancellazione (in) cultura globale. La situazione peggiora: la prossima settimana, questo apparato paranoico si fonde con il fantastico meccanismo del governo degli Stati Uniti (USG).

Quindi benvenuti nel dominio domestico a spettro completo. Germania 1933 con steroidi. Redux 1984: non c’è da stupirsi che l’hashtag # 1984 sia stato bandito da Twitter.

Cui bono? Il tecno-feudalesimo, ovviamente, ei tentacoli intrecciati del transumanista Great Reset. Sfidalo e sarai cancellato.

Ciao ciao signorina American Pie. Questa è l’eredità dell’ 1/6.

*Pepe Escobar è uno scrittore e giornalista brasiliano, tra i maggiori esperti di storia e relazioni internazionali. Lavora come analista per Asia Times e per RT Russia Television, Sputnik News e Press TV. Ha precedentemente prodotto anche per Al Jazera. Escobar è da tempo concentrato sulla geopolitica dell’Asia centrale e del Medio Oriente facendo base spesso in Iran e in Cina

Fonte: Strategic Culture Foundation – Russia

https://www.strategic-culture.org/

Precedente I documenti declassificati sono solo una parte della responsabilità degli Stati Uniti in America Latina Successivo Le Colombe con gli artigli fanno il nido nella Casa Bianca per deporre uova d'Aquila