Crea sito

La risoluzione sul BLOQUEO all’ONU sarà votata nel maggio 2021

Qual è la posizione dei paesi e delle organizzazioni delle Nazioni Unite sul blocco contro Cuba?

(Prima parte)

La risoluzione sul BLOQUEO all’ONU, che è stata presentata 28 volte e di solito in questo periodo dell’anno, sarà votata nel maggio 2021 perché rimandata in conseguenza della fase pandemica COVID-19 

di Andy Jorge Blanco, Ana Álvarez Guerrero

(Prima Parte)

Non solo i cubani conoscono il blocco , gli ostacoli, le pene, il genocidio economico e commerciale. Né siamo gli unici interessati, con noi ci sono più di 170 paesi e un folto gruppo di organizzazioni ed entità internazionali.

Lo conferma il rapporto sul rispetto della risoluzione dal titolo “La necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba”, presentato pochi giorni fa dal Segretario generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. , Antonio Guterres.

Oggi proponiamo valutazioni di alcune organizzazioni internazionali sull’influenza del blocco arbitrario ed extraterritoriale, istituito dal governo degli Stati Uniti quasi 60 anni fa, che interessa non solo l’Isola, ma anche lo sviluppo degli sforzi di queste entità in Paese.

Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC)

L’organizzazione sottolinea che nel 2019 l’economia cubana ha rallentato la sua crescita. Mentre stima che nel 2018 abbia registrato un aumento del 2,2 per cento, lo scorso anno si è verificato solo su una scala dello 0,5. Perché stiamo peggiorando?

L’ECLAC riconosce che la rinascita di misure coercitive contro Cuba ha un’influenza diretta, poiché è evidente che colpisce “le principali fonti di reddito in valuta estera: cooperazione medica internazionale, trasferimenti di rimesse e turismo”.

Si segnala inoltre l’influenza negativa dell’attivazione del Titolo III dell’Helms Burton Act , che genera timori (per rappresaglie) negli investitori stranieri, nonché le continue sanzioni contro le compagnie petrolifere legate al Paese, che hanno costretto il governo “a attivare un piano di emergenza in vista della relativa carenza di carburante ” ed evitarne gli effetti sulle dinamiche economiche e sulla popolazione.

L’ ECLAC sottolinea che il blocco è un “ostacolo significativo” per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, principalmente perché “ha lasciato cicatrici strutturali sull’economia cubana sul finanziamento dello sviluppo, degli investimenti, della crescita e della produttività che sono estremamente difficili da superare ”.

Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani

L’11 marzo 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che COVID-19 era diventata una pandemia. Da allora, ci sono stati diversi incontri, dichiarazioni e lettere dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michel Bachelet, e del Segretario generale delle Nazioni Unite, che in qualche modo hanno chiesto l’abrogazione delle sanzioni su alcuni paesi (tra cui Cuba ) per garantire cibo, forniture essenziali e supporto medico contro le malattie.

“Le sanzioni settoriali ad ampio spettro che si applicano ai paesi che affrontano la pandemia di coronavirus dovrebbero essere oggetto di una rivalutazione urgente, in considerazione del loro possibile impatto negativo sul settore sanitario e sui diritti umani”, ha detto Bachelet in un comunicato stampa il 24 marzo. Quello che è successo? Il blocco si è intensificato senza dare “una pausa” per combattere la Sars-Cov 2.

Ufficio del coordinatore residente del Sistema delle Nazioni Unite per le attività operative per lo sviluppo a Cuba

Il team del Sistema delle Nazioni Unite intende gestire i programmi di sviluppo a livello nazionale, come parte di un ampio quadro di cooperazione. A volte la tua missione è difficile.

Ad esempio, l’ufficio dell’UNICEF deve utilizzare una banca corrispondente per ricostituire i fondi nel proprio conto locale in dollari statunitensi. “Questo processo comporta una perdita di circa il 3% del valore totale trasferito a causa delle differenze nei tassi di cambio”.

Inoltre, a causa del blocco, molti siti Web e servizi vengono bloccati. Di conseguenza, gli uffici delle Nazioni Unite a Cuba “accedono a Internet principalmente attraverso fornitori di servizi satellitari, il che comporta costi più elevati, larghezza di banda limitata e scarsa qualità dei servizi video e voce”.

Mina inoltre la capacità del personale di connettersi a webinar e teleconferenze pertinenti e di gestire in modo collaborativo i documenti utilizzando i sistemi cloud.

Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO)

Nel periodo da aprile 2018 a marzo 2019, il blocco ha causato perdite stimate in 345.454.714 dollari nell’area agricola. Tra i principali fattori determinanti: la ricerca di mercati lontani, gli ostacoli alle esportazioni, l’impossibilità di accedere a fonti di finanziamento esterno multilaterale, la mancanza di risorse per ammodernare attrezzature e infrastrutture agricole.

Ma quali sono stati gli effetti che ha avuto la FAO ? In primo luogo, i progetti che esegue sono limitati dall’acquisizione di attrezzature e forniture che integrano l’assistenza tecnica. Le risorse devono essere importate da mercati più lontani, il che causa maggiori spese per prezzi e noli.

Inoltre, le condizioni imposte dal blocco continuano a influenzare i processi di pagamento e le transazioni bancarie effettuate da e per i fornitori che forniscono servizi ai progetti di cooperazione e all’ufficio della FAO a Cuba.

“Ciò è dimostrato dal fatto che le banche non accettano trasferimenti relativi alle vendite a Cuba, e i fornitori non possono offrire a questo paese prodotti ottenuti da altre società nordamericane o trasferire fondi per pagare i servizi appaltati”.

Tra i danni causati da questa politica ostile ai settori in cui la FAO fornisce assistenza tecnica ci sono anche: costi aggiuntivi dovuti al congelamento dei beni, danni pecuniari, perdite finanziarie per mancanza di accesso alla tecnologia più avanzata negli Stati Uniti. e il trasferimento delle esportazioni.

Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO)

Diverse misure adottate dall’amministrazione Trump hanno avuto un’influenza negativa sullo sviluppo delle attività di collaborazione gestite dall’UNESCO a Cuba. Soprattutto, a seguito dell’eliminazione dei viaggi di istruzione “da persona a persona”, della restrizione dei voli da parte delle compagnie aeree statunitensi e della cessazione dell’arrivo delle navi da crociera nei porti cubani. Pertanto, i liberi scambi, la cooperazione accademica tra università e centri di ricerca, il progresso della conoscenza scientifica e artistica erano limitati …

Un altro degli effetti diretti è stata la chiusura definitiva del Foreign Office dell’Avana del Servizio Cittadinanza e Immigrazione degli Stati Uniti, poiché è difficile per funzionari, consulenti e partecipanti ad eventi e corsi di formazione richiedere il visto. viaggiando in missione attraverso quel paese.

Inoltre, l’UNESCO sottolinea nel rapporto che i funzionari sono colpiti perché “molte compagnie di assicurazione sanitaria non possono lavorare direttamente con i fornitori di servizi sanitari cubani a causa delle restrizioni imposte dal blocco, rendendo loro difficile garantire i servizi di assistenza medica al personale dell’ufficio a Cuba ”.

Organizzazione mondiale della sanità (OMS) / Organizzazione panamericana della sanità (OPS)

L’applicazione del titolo III della legge Helms-Burton, dal 2019 ad oggi, ha avuto un impatto sullo sviluppo degli investimenti nel settore sanitario. In tal senso, entrambe le organizzazioni hanno sottolineato, come un altro degli effetti del blocco sulla salute pubblica e sulla cooperazione dell’OMS con Cuba, il fatto che nel 2019 i membri del MINSAP non sono stati in grado di ottenere un visto per recarsi negli Stati Uniti e partecipare alla 71a sessione del Comitato Regionale per le Americhe dell’OMS, con sede a Washington.

Organizzazione mondiale del commercio (OMC)

Nella relazione stessa presentata dal Segretario generale delle Nazioni Unite, l’OMC ha affermato che nella rivista generale sull’evoluzione del commercio internazionale, il direttore generale di questo organo ha anche fatto riferimento al titolo III della legge Helms-Burton. Il manager ha spiegato che detta legge “ha impedito a individui e aziende di intraprendere attività di commercio internazionale con Cuba”.

L’OMC ha specificato la posizione di Cuba riguardo al blocco come un ostacolo alla normalità delle operazioni commerciali nel paese, nonché la sua natura extraterritoriale danneggiando i paesi terzi che desiderano commerciare con l’isola.

Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO)

“Il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba persiste nell’attività generale, comprese le restrizioni sui viaggi dei cittadini statunitensi a Cuba, e questo ha un impatto diretto sul settore turistico cubano e sul contributo del Paese alla il raggiungimento dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile ”, ha affermato, da parte sua, l’UNWTO.

In questo senso, l’agenzia ha affermato che, secondo l’UNWTO World Tourism Barometer, l’isola ha registrato una diminuzione degli arrivi di turisti internazionali nel secondo trimestre del 2019, peggiorata nel terzo trimestre.

“Cuba, la seconda destinazione più popolare della regione, ha registrato un calo di oltre il 9% nel numero di arrivi”, ha detto l’UNWTO, citando le restrizioni ai viaggi dagli Stati Uniti, che includono il divieto delle crociere.

L’organizzazione ha anche evidenziato le “pesanti perdite” del turismo a Cuba, stimate in 1,4 miliardi di dollari tra aprile 2019 e marzo 2020.

Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP)

Nel suo rapporto presentato all’ONU, l’UNDP ha esemplificato alcune delle misure che danneggiano le relazioni bilaterali tra Cuba e gli Stati Uniti, tra cui la sospensione dei servizi consolari presso l’ambasciata degli Stati Uniti a L’Avana per i cittadini cubani che desiderano viaggi nel paese settentrionale, nonché la mancata concessione di un visto turistico per cinque anni ai cubani che lo richiedono, e l’applicazione del Titolo III della Legge Helms-Burton.

“Diverse sanzioni, comprese multe e congelamenti di attività finanziarie, sono state imposte ai fornitori internazionali di petrolio greggio e alle entità finanziarie. I casi più rilevanti sono stati quelli delle società Petróleos de Venezuela (34 navi), Ballito Bay Shipping Inc., con sede in Liberia, e ProPer In Management Inc., con sede in Grecia, nonché Standard Chartered, con sede nel Regno. Regno di Gran Bretagna e Irlanda del Nord ”, ha sottolineato l’organizzazione.

L’UNDP ha evidenziato gli effetti del blocco sullo sviluppo nazionale e locale, il peggioramento della situazione economica dei cubani e le ripercussioni di questo sulle fasce di popolazione più vulnerabili.

In tal senso, ha affermato che “il blocco ha limitato l’accesso di Cuba ai crediti di sviluppo concessi da istituzioni finanziarie internazionali come la Banca mondiale e la Banca interamericana di sviluppo, il che ha ridotto le possibilità di ottenere risorse per fornire sostegno finanziario. ai piani di sviluppo nazionale o locale di Cuba ”.

Allo stesso modo, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo ha fatto riferimento alla chiusura dei conti della maggior parte dei fornitori che intrattengono rapporti commerciali con le aziende dell’isola e l’ufficio UNDP nel paese, a causa delle politiche di diverse banche, principalmente in Panama e Messico.

“Il blocco ha avuto effetti diretti su tutti i progetti di sviluppo e le attività di emergenza dell’UNDP, poiché aumenta i costi di transazione per ottenere input per i progetti e il costo e il tempo di trasporto delle merci importate. Per trovare compagnie di navigazione alternative è necessario investire più tempo e impegno. Di conseguenza, i progetti hanno subito notevoli ritardi nell’acquisizione e distribuzione degli input, che a loro volta hanno avuto un impatto negativo sulla tempestiva esecuzione delle attività progettuali e sui loro risultati.

“La situazione è stata particolarmente preoccupante nel caso di progetti legati alla sicurezza alimentare e allo sviluppo locale, dato il lungo processo che prevede l’accesso a input agricoli come sistemi di irrigazione, macchinari e strumenti, e l’importazione”, ha detto l’organizzazione.

Programma alimentare mondiale (WFP)

Per quanto riguarda la sicurezza alimentare a Cuba, l’entità ha sottolineato la crisi economica del paese negli anni ’90, la crisi finanziaria globale del 2008, i prezzi alimentari globali elevati, l’accesso limitato al credito, nonché la bassa produttività e il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro le Grandi Antille.

Il PAM, che opera a Cuba dal 1963, ha sottolineato che nel 2019 il blocco ha continuato ad avere effetti negativi sulle condizioni operative dell’agenzia nell’isola. In questo senso l’ente ha fatto riferimento all’importazione di attrezzature o forniture per agricoltura a prezzi elevati, che impedisce di soddisfare tutte le esigenze alimentari.

“A seguito del blocco, le navi sono costrette a fare scalo in un Paese confinante per effettuare il trasbordo delle merci, il che provoca ritardi e costi aggiuntivi che incidono anche sulle spedizioni del PAM. A causa della crisi del carburante subita nell’ultimo trimestre del 2019, l’ufficio del WFP a Cuba ha dovuto affrontare notevoli difficoltà nella supervisione delle sue attività nelle cinque province orientali e nello scarico di prodotti alimentari e non nei diversi porti del Paese ”, ha sottolineato il programma nel rapporto inviato al Segretario generale dell’Onu.

Allo stesso modo, l’ente ha affermato di avere difficoltà ad acquistare attrezzature (per progetti, informatica, pezzi di ricambio per automobili) a prezzi più competitivi, a causa dell’incapacità dei fornitori di vendere direttamente a Cuba.

(Fine prima parte)

Fonte: Cubadebate – Cuba

http://www.cubadebate.cu/