Quello che chiamano “giornalismo”

di Fernando Buen Abad*

Ogni giorno più mediocre, più corrotto e più servile quello che chiamano ” giornalismo “, nelle società che commercializzano “notizie” o “informazioni”, costituisce oggi una delle più degenerate macchine da guerra capitaliste ideologiche …

La sua degenerazione è il suo fallimento e allo stesso tempo la sua denuncia. La sua definizione si rivela in base alla sua funzione distorcente e ciò che dovrebbe servire a guidare la società è, in realtà, un’attività per disorientare.

Non è lo stesso “giornalismo” del news marketing. Sebbene sia stata installata l’idea perversa che solo ciò che i giornali vendono sia informazione, e con questa sono nate cattedre, carriere, corsi post-laurea e specialità … sebbene l’idea che il “giornalismo” sia l’arte mercenaria del vendere la penna al miglior offerente … anche se prevale il criterio sciocco che un giornalista è un commerciante affidabile … e, sebbene sia schiacciato dall’errore che il giornalismo sia l’arte demagogica dell ‘”oggettività” borghese … la verità è che ciò che chiamano e praticano come il “giornalismo” nelle case editrici sia una merce più soggetta alle peggiori leggi del capitalismo. Gli operai lo sanno bene.

Gli eventi generati dalla vita sociale, economica, politica, artistica, culturale … basata sul loro motore storico, che è la lotta di classe, non possono essere privatizzati da nessuna manovra commerciale, anche se è in grado di convertirli, secondo i loro interessi, in “Informazioni” o “notizie”.

Gli eventi quotidiani (accadono quando si verificano) a seguito di relazioni sociali, fino ad ora suddivise in classi, oltre a richiedere registrazioni e analisi scientifiche, richiedono capacità narrativa chiarificatrice, creativa ed emancipatoria, per contribuire ad innalzare il livello di coscienza collettiva anche nel risolvere problemi individuali.

0Il compito di produrre analisi e informazioni giornalistiche, oltre ad essere parxis etico quotidiano, deve essere un’opera organizzativa per la trasformazione del mondo. Questo è stato fatto dallo stesso John Reed.

Nelle aziende che hanno fatto dell’informazione una merce capricciosa e ingiusta alla verità, il lavoro dei “giornalisti” si è deformato all’onta della schiavitù del pensiero e dello sfruttamento delle persone costrette a tradire la coscienza (individuale e collettiva ) sulla realtà. Vi è l’appropriazione indebita di informazioni quotidiane contro ogni buon senso e l’intelligenza dei lavoratori dell’informazione viene umiliata sottoponendoli a principi e scopi commerciali sempre più mediocri, corrotti e gangsteristici. La Inter-American Press Association conosce bene questa storia.

Nelle scuole non sono poche le tendenze decise a “formare” manodopera a buon mercato, mansueta e acritica, disposta ad ingoiare, con travestimento accademico, le condizioni di lavoro più aberranti in cambio di illusioni di fama borghese, prestigio di venditori ambulanti e, naturalmente , redditività di complici molto creativi quando si tratta di rendere invisibili le verità più dure, criminalizzando coloro che lottano per emanciparsi e garantendo la vendita delle “notizie”.

Lauree universitarie di “giornalista” contaminate dal capitalismo e dal suo odio, anche se è necessario mentire, calunniare o uccidere. 

Quindi è necessario sponsorizzare colpi di stato o omicidi. Li abbiamo visti e li vediamo tutti i giorni. Per la TV, per il web, per la radio … per la stampa.

Togliere dignità al lavoro del “giornalista” è un’enorme sfida sociale che non si risolve solo in modo “sindacalista”, né solo con “un’eccellente educazione”, né solo con “buona volontà”. Si tratta di una professione, un mestiere e un compito politico … bloccato nella palude della guerra ideologica e della guerra mediatica borghese. Dignificare la definizione e la funzione di giornalista include fattori molto diversi che partono dalla base concreta della lotta contro il lavoro alienato e contro le condizioni ideologiche estreme malsane in cui, sotto il capitalismo, si sviluppa.

Dignificare il lavoro giornalistico implica intraprendere, su base quotidiana, una rivoluzione della coscienza e dell’azione che restituisca alla produzione di notizie la sua anima socialista e il suo potere come strumento per emancipare le coscienze … implica quindi restituire al “giornalismo” le sue bussole e le sue responsabilità sulla via del la rivoluzione.

Ciò implica rivendicazioni programmatiche, organizzative e disciplinari la cui base è la lotta di classe e la cui prassi deve andare di pari passo con le lotte di emancipazione della classe operaia. Tanto che ogni clown capace di pubblicare, con qualsiasi metodo e mezzo, i suoi mascalzoni si definisce un “giornalista” a costo di degenerare la verità che appartiene a tutti. Fermarli sui loro passi implica uno sviluppo scientifico e politico per conquistare un potere professionale e militante capace di mettersi al servizio della classe che emanciperà l’umanità. Questo è il tuo posto migliore. Ciò implica la promozione di nuove scuole, nuovi stili, sintassi rivoluzionaria, comunicazione e consapevolezza. Ciò implica la promozione di nuove generazioni di operatori del giornalismo emancipati dalla logica del mercato dell’informazione. Nientemeno.

Ora che siamo disgustati dall’impudenza e dall’impunità con cui i padroni ei loro servi “giornalistici” esibiscono i loro onnipresenti mascalzoni, dobbiamo rafforzarci per combatterli. Ora che la nausea ci sta scuotendo e l’irrazionalità del mercato dell’informazione sta diventando un colpo di stato e un comando di assassinio, in tutto il mondo, è necessario organizzarci in modo democratico, plurale e combattivo. Ora che i più feroci attacchi delle mafie commerciali che vendono “giornali” vengono schierati contro la verità dei popoli in lotta e contro le loro conquiste più costose … abbiamo bisogno di unità e azione organizzata dal basso come causa etica suprema.

Ora che le mafie dei media si alleano e formano il loro esercito di “giornalisti” per bombardarci con missili di insulti e menzogne ​​… dobbiamo fare del “giornalismo” un fronte rigoroso nei suoi principi e adattabile nella sua organizzazione per unire apertamente tutte le forze di comunicazione emancipatoria in cui è favorita la collaborazione rivoluzionaria illimitata.

Almeno. Così, quello che chiamano “giornalismo” cesserà, molto presto, di essere un baluardo di sfortunati mercenari abituati alle bugie per diventare, una volta per tutte, uno strumento creativo di verità al servizio della Rivoluzione. E ci sono già molti lavoratori che avanzano su quella rotta. Quotidiano.

*Fernando Buen Abad è un filosofo e scrittore messicano

Fonte: Cubadebate – Cuba

http://www.cubadebate.cu/

Precedente I tassisti sanno tutto Successivo Perché Julian non piace ai giornalisti?