La scintilla di Minneapolis

di Atilio A. Boron*

Nel 1944 Gunnar Myrdal, uno svedese che aveva ricevuto il premio Nobel per l’economia, scrisse un libro intitolato “Il dilemma americano” per svelare le radici del cosiddetto “problema nero” negli Stati Uniti. La sua ricerca ha mostrato che gli afroamericani erano percepiti e trattati dai bianchi – fatta eccezione per un settore che non condivideva questa convinzione – come una “razza inferiore” a cui veniva negato il godimento dei diritti presumibilmente garantiti dalla Costituzione.

Ecco perché gli afroamericani erano strutturalmente svantaggiati con i bianchi: bassi redditi, meno istruzione e maggiore disoccupazione costruirono il tessuto profondo di un circolo vizioso ereditato dalla lunga storia della schiavitù e le cui ombre sono proiettate al presente. Myrdal concluse il suo studio dicendo che gli Stati Uniti avevano un problema, ma era di un colore diverso: il bianco. Una popolazione insultata, attaccata e discriminata, che anche dopo un secolo di abolizione della schiavitù ha dovuto combattere contro la cultura della schiavitù sopravvissuta a lungo alla fine di quell’istituzione

Il Rapporto del Census Bureau degli Stati Uniti del 2019 conferma la validità di quella diagnosi distante da parte di Myrdal, dimostrando che se il reddito medio delle famiglie americane era di $ 63.179 e quello delle famiglie “bianche” era di $ 70.642 quello degli afro-americani crollava a $ 41.361 e quello degli “ispanici” cadeva -ma parcheggiava- a $ 51.450. I bianchi sono il 64% del paese, ma il 30% della popolazione carceraria; i neri costituiscono il 33% dei detenuti, essendo però il 12% della popolazione. Il 72% dei giovani bianchi che finiscono il liceo entrano in un istituto di terzo grado nello stesso anno, cosa che avviene solo per il 44% dei discendenti afro. Le rivolte ricorrenti di questo gruppo etnico oppresso testimoniano il fallimento delle timide misure adottate per integrarlo, come la tanto discussa “azione affermativa”.

“La pandemia di Covid-19 ha aggravato la situazione, evidenziando la discriminazione scandalosa che esiste: il tasso di mortalità generale per questo virus è 322 per milione di abitanti e scende a 227 per i bianchi, ma sale bruscamente tra i neri a 546 per milione. E la depressione economica che la pandemia ha alimentato in modo esponenziale ha tra le prime vittime afro-discendenti. Sono quelli che appaiono principalmente tra quelli registrati per ottenere l’assicurazione di disoccupazione moderata e temporanea offerta dal governo federale.

Questa combinazione esplosiva di circostanze aveva solo bisogno di una scintilla per incendiare la prateria. L’omicidio di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis, filmato minuto per minuto e viralizzato in momenti eterni, ha contribuito a quell’ingrediente con i risultati già noti.

La stupidità criminale di una Trump è stata sconvolta da oltre centomila morti a causa della sua negazione e dell’abisso economico che si è aperto ai suoi piedi a cinque mesi dalle elezioni presidenziali hanno fatto il resto. In un tweet, ha minacciato i manifestanti di “mettere in conto un proiettile” se i disordini continuassero, proprio come hanno dovuto fare gli schiavi del sud nel diciannovesimo secolo. Segni inequivocabili di una fine del ciclo, con la violenza scatenata, saccheggi e coprifuoco sfidato nelle principali città.

*Atilio Boron è un noto sociologo argentino, laureatosi ad Harvard -USA- e professore presso l’Università di Buenos Aires. Scrittore, saggista e giornalista molto attento alle evoluzioni politiche latinoamericane. Regge la Catedra Guevarista di Rosario, città natale di Ernesto Guevara

Fonte: Blog Atilio Boron – Argentina

https://atilioboron.com.ar/

Precedente 5G, nuovo campo della corsa agli armamenti Successivo In sei mesi il governo de facto affonda la Bolivia