POTETE TROVARE NOTIZIE COSTANTEMENTE AGGIORNATE SULLA PAGINA FACEBOOK DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI AMICIZIA ITALIA-CUBA
(cliccando sul riquadro qui sopra verrai connesso alla pagina facebook dell'Associazione Nazionale Amicizia Italia-Cuba)

Riproponiamo, ora anche sottotitolato in italiano, uno spezzone della trasmissione “Le ragioni di Cuba” con la divertente farsa del “portavoce delle dissidenti cubane”

Carlos Serpa Maceira, l’agente Emilio della Sicurezza di Stato cubano.Riproponiamo, ora anche sottotitolato in italiano, uno spezzone della trasmissione “Le ragioni di Cuba” di cui avevamo pubblicato l’intero documentario in originale. Si tratta della divertentissima “broma”, beffa, interpretata dal finto mercenario inseritosi come porta voce delle Dame in Bianco, Carlos Serpa Maceira. L’agente della Sicurezza di  Stato di Cuba, fingendosi assediato dalla polizia cubana, in diretta telefonica con le trasmissioni televisive e radiofoniche dei controrivoluzionari di Miami, svela precisamente come si pratica e perché la professione di dissidente. Davvero da non perdere, si tratta dell’esilarante farsa che spiega chiaramente come agiscono i cosiddetti “oppositori alla dittatura.” Grande successo e clamore enorme a Cuba. Qui il filmato, da Cubainformación, con i sottotitoli in italiano:

cubainformacion.tv

La Clinton protesta per la condanna del cittadino statunitense a Cuba

di Lito Alan Gross

Come è stato annunciato con un avviso dell’ultima ora nel numero scorso del Notiziario AmiCuba, Alan Gross, il cittadino statunitense a contratto con l’USAID (United States Agency for International Development) è stato condannato a 15 anni di carcere dal tribunale de La Habana. L’accusa aveva richiesto, al termine del dibattimento, 20 anni di reclusione. Gross è stato ritenuto colpevole di  aver introdotto illegalmente nell’isola telefoni satellitari e strumentazione elettronica sofisticata con lo scopo di agevolare le comunicazioni ai cosiddetti dissidenti cubani per contribuire a destabilizzare il paese.La reazione statunitense alla notizia è stata immediata ma in realtà poco chiara. La Segretaria di Stato Hillary Clinton, a detta di molti commentatori è stata poco convincente ed ha usato espressioni considerate antiquate per lamentarsi della condanna subita da Alan Gross. Ha sostenuto che Gross faceva spesso la spola tra Stati Uniti e Cuba con l’unico scopo di aiutare la comunità ebraica cubana. Tutto questo risulta però molto strano perché si sa perfettamente che questa comunità, per altro non vastissima, è ben considerata, autonoma e gode a Cuba come tutte le altre comunità religiose di libertà di culto. Ne è testimone proprio quel giornalista statunitense di fede ebraica, Jeffrey Goldberg, che il  10 settembre dell’anno scorso, aveva scritto sul periodico “The Atlantic” della supposta dichiarazione di Fidel Castro sulla sorpassata validità del socialismo(?). Notizia che fece scalpore e fu rilanciata da ogni Agenzia Stampa per la gioia dei controrivoluzionari di tutto il mondo. Affermazione naturalmente smentita, ma che il leader cubano avrebbe confidato a Goldberg durante una cena alla  quale il giornalista era stato invitato a partecipare, proprio dalla comunità ebraica cubana, in evidenti ottimi rapporti con l’ex Presidente cubano. La Clinton ha frettolosamente aggiunto a questa breve e goffa spiegazione, la richiesta dell’immediata scarcerazione di Gross, definendo infine la sentenza del tribunale cubano come “l’ennesima ingiustizia del regime castrista”. Stando ad alcuni commentatori cubani, la pena inflitta al contrattista statunitense non sarebbe invece molto elevata, vista la gravità di alcune accuse presentate nel processo. Altri resoconti della vicenda giudiziaria, ricavati dai lavori di vari giornalisti che si interessano in Spagna ed in America Latina del sempre attuale contenzioso tra Stati Uniti e Cuba, sottolineano, che si apre per l’Amministrazione Obama la prima opportunità di uscire dall’ormai imbarazzante posizione di stallo nella vicenda dei 5 cubani detenuti con condanne spropositate e per motivi sempre più palesemente politici.

Giovani medici ed imprenditori italiani della sanità a Cuba. Un video racconta la loro esperienza in occasione di un incontro con i medici e le strutture cubane

Questo breve documentario, suddiviso in due filmati, è stato realizzato nell’ottobre del 2010 in occasione della visita di una delegazione di giovani medici ed imprenditori italiani della sanità a Cuba. Vedere questi video, autonomamente girati dall’organizzazione imprenditoriale italiana (AIOP) che ha promosso la visita a Cuba, fa capire quanto di vero c’è nel dire che le conquiste della Rivoluzione, come la sanità, per i cubani non sono negoziabili. L’interessante documento, ricavato da YouTube, è in italiano.
Primo filmato:

e secondo filmato:

Il n° 20 del Notiziario AmiCuba. Buone informazioni

Leggi qui il Notiziario > AMICUBA20

Perchè è necessaria la solidarietà con Cuba ed è indispensabile sostenere chi la pratica da 50 anni

Perchè è necessaria la solidarietà con Cuba ed è indispensabile sostenere chi la pratica da 50 anni – Riprendiamo e diamo una conclusione ad uno degli articoli introduttivi del sito, appena abbozzato quando si stava per iniziare.

di Lito – per AmiCuba Isola Ribelle

Altro che “Yes we can”. Si può per davvero cambiare il mondo e non sottostare più alla legge della barbarie, essenza propria del capitalismo. Lo dimostra Cuba nella sua ultra cinquantennale esperienza di resistenza. Contro tutto e contro tutti, appoggiata unicamente dalla solidarietà internazionale di chi ha capito la realtà dell’esempio che Cuba ha rappresentato fino ad ora. L’Isola Ribelle prosegue con dignità il cammino della sua Rivoluzione senza mai venir meno ai principi della spinta propulsiva iniziale, unico esempio nel panorama storico dei tentativi verso il socialismo. Va ricordato però che tendere al socialismo è una pratica ancora relativamente nuova per l’umanità. Gli esempi falliti e le esperienze chiuse sono li a spiegare quali strade diverse vanno intraprese. Non possono servire a sostenere che si tratta di una forma di società improponibile. Questa è una affermazione utile solo a chi gestisce il potere e che se lo vuol tenere ben stretto. Se è riuscita Cuba a resistere, tra errori ed enormi problemi, ma è riuscita, è probabile che studiando la sua esperienza sia possibile espandere ad altri luoghi la felice cancellazione del capitalismo, vera negazione per il futuro dell’umanità. Quella di Cuba è stata l’ultima Rivoluzione romantica del secolo scorso, sicuramente non realizzabile con gli stessi metodi ed in altri contesti oggi. Ma le sue conquiste fanno invidia ben oltre il terzo mondo. Bisogna rimanere collegati ed in sintonia con il messaggio rappresentato dall’esperienza cubana, soprattutto perchè come ormai si è ben capito, NON E’ FACILE eliminare il malcostume della sopraffazione come prassi sociale. Chi detiene il potere ed il privilegio, non gioisce nel vederlo suddiviso tra tutti. La natura umana contempla l’egoismo. Solo chi capisce che favorire se stessi a scapito degli altri rischia di innescare la guerra di supremazia, può lottare perchè tutti si adeguino alle condizioni adatte per un futuro di pace. Per questo continuare a sostenere Cuba, con la solidarietà, come l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba fa da cinquant’anni, vuol dire aprire uno spiraglio di speranza per tutti. La mancanza di una speranza, l’ipotesi che non esistano soluzioni, è il principio base sul quale si basa la forza del potere per dominare. Chi non crede nella possibilità di cambiare, ha perso in partenza, si arrende al potere prima di metterne in discussione la supremazia. Capire che un’Isola in mezzo al mare, con la sola forza della coesione solidale dei suoi abitanti, riesce da oltre mezzo secolo a contrapporsi all’Impero più forte che la storia dell’umanità abbia mai avuto, significa capire che la speranza esiste. Caspita se esiste. Infatti non hanno altro tentativo da fare che convincere il mondo che Cuba sia l’ennesima dittatura di un tiranno; manca solo che dicano che li si mangiano i bambini, pur di far vedere che è un esempio da non seguire. I mezzi d’informazione ed i giornalisti prezzolati non mancano. I finti progressisti, quelli che il capitalismo lo gradirebbero più umano, nemmeno. Sono un grande aiuto per il potere anche quelli che a parole vorrebbero tanto cambiare le cose, ma alla vista di qualcuno che un tentativo lo mette in atto per davvero, lo criticano, ben inteso da sinistra. Per questi motivi invitiamo ognuno a fare la sua parte, sostenendo prima di tutto chi da ben 50 anni in Italia, con serietà e determinazione, aiuta Cuba a resistere.

Chiediamo il sostegno – iscrivendosi e facendo iscrivere all’Associazione. Chiediamo il sostegno – devolvendo e invitando a devolvere il 5 x 1.000 con la dichiarazione dei redditi.
Per sostenere l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba ed i suoi progetti basta firmare nel riquadro apposito (dov’è scritto “sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni”) sui moduli della dichiarazione dei redditi e SCRIVERE il codice fiscale dell’Associazione – c.f. 96233920584 -

In occasione del 50° dell’Associazione e della festa del 1°maggio, un viaggio speciale…

CUBA dal 17 aprile al 2 maggio 2011
VIAGGIO DI CONOSCENZA e MANIFESTAZIONE DEL 1° MAGGIO

Questo il programma:

17 domenica -Volo diretto da Milano Malpensa a La Habana – Arrivo in serata e trasferimento in hotel. Cena in hotel.

18 lunedì -Visita della città : il museo del ron, la piazza vecchia, la chiesa di S.Francesco, Piazza della Cattedrale. Museo
Della Revolución. Museo del Ron dove al termine della visita verrà servito il pranzo. Nel pomeriggio visita a
“El Callejón de Hamel”, progetto culturale comunitario all’ Avana Vecchia, dove si assisterà ad uno spettacolo di musica tradizionale con ritmo e balli afrocubani. A seguire tempo libero . Cena in hotel

19 martedì -Visita alla Scuola Latinoamericana di Medicina, frequentata gratuitamente da studenti provenienti da
Paesi poveri. La nostra Associazione ha finanziato un progetto innovativo presso questa struttura.
Pranzo al ristorante. Rientro passando dal Malecón, il lungomare con splendide case d’epoca a lato della piazza delle bandiere; si prosegue per il Mirador del Cristo e la Casa del «Che» con entrata alla Fortezza del Morro che domina l’ingresso al porto. Cena al Ristorante Fabio (se possibile incontro con Giustino Di Celmo)

20 mercoledì -Partenza per Pinar del Río. Lungo il percorso visita alla Cueva de Los Portales, utilizzata dal “Che” nel 1962 durante la “crisi dei missili”. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita alla fabbrica di Guayabita ed a una fabbrica di tabacco. Pernottamento e cena in hotel nella valle di Viñales.

21 giovedì -Al mattino si visiterà una “casa del vegüero” (agricoltori dei campi di tabacco) dove verrà illustrato il processo di essiccazione e lavorazione del tabacco. Successiva passeggiata nella valle di Viñales. Pranzo al ristorante Palenque de los Cimarrones che si raggiunge attraverso un passaggio scavato all’interno di un mogote. Nel pomeriggio arrivo a Soroa per visita al giardino botanico. Cena in hotel

22 venerdì -(se si arriva tardi il giorno prima si termina la visita di Soroa) e si prosegue per Cienfuegos facendo una deviazione per Playa Girón, nota come “Baia dei Porci”, dove è avvenuta la tentata invasione mercenaria nell’aprile 1961. Visita al museo e pranzo in ristorante. Si prosegue poi per Cienfuegos dove si pernotterà .
La cena si terrà presso il caratteristico Palacio del Valle.

23 sabato -Visita al centro cittadino, al Parque Central ed al Teatro Terry dove cantò Caruso; Pranzo al Club Nautico e proseguimento per Trinidad con sosta al giardino botanico. Sistemazione in hotel sulla spiaggia di Trinidad; l’hotel offre sistemazione “tutto incluso”. Dopo cena festa con la popolazione presso un CDR (Comitati in Difesa della Rivoluzione) in un quartiere della città di Trinidad.

24 domenica -Escursione nella splendida Sierra Escambray che si raggiungerà a bordo di camion attrezzati. Passeggiata con una guida lungo la riva del “rio melodioso”. Verranno illustrate le proprietà di piante e fiori. Si raggiungono diverse cascate, alla base delle quali è possibile fare il bagno nelle piscine naturali. Pranzo nel ranchón dei contadini e nel pomeriggio rientro in hotel. Tempo a disposizione alla spiaggia. Cena in hotel.

25 lunedì -Al mattino visita della città e del Museo della Lotta contro i banditi – Incontro di conoscenza presso l’Icap con esponenti dell’Associazione Combattenti della Rivoluzione per conoscere la loro storia e per ricordare il nostro anniversario del 25 aprile. Rientro in hotel. Tempo libero. Pranzo e cena in hotel

26-27 e 28 -3 giorni liberi al mare. Pensione completa con formula tutto incluso.

29 venerdì -Si lascia Trinidad per tornare a La Habana. Durante il viaggio si visita Santa Clara: il treno blindato, fatto deragliare con l’ultima azione che segnò la fine del dominio di Batista; Plaza de la Revolución ed il Mausoleo dedicato a Che Guevara ed ai guerriglieri morti in Bolivia. Passeggiata nel centro. Pranzo in ristorante.
Si prosegue poi per La Habana dove si arriverà in serata. Cena in hotel

30 sabato -Giornata libera. Pranzo in hotel. Cena di saluto di fine del viaggio al famoso ristorante La Bodeguita del Medio.

1° maggio domenica -In mattinata partecipazione alla manifestazione del Primo Maggio. Pranzo in hotel. Nel pomeriggio trasfer. all’aeroporto per rientro in Italia L’Arrivo a Milano Malpensa è previsto in tarda mattinata del 2 maggio.

per prenotare: Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba
Via Borsieri 4 – 20159 Milano Tel. 02-680862 orario pomeridiano
[email protected] – www.italia-cuba.it

Si comunica con molta tristezza che è morto Alberto Granado


Si comunica con molta tristezza che è morto Alberto Granado

Alberto Granado, l’amico e compagno del guerrigliero Ernesto “Che” Guevara nel suo viaggio di gioventù in motocicletta per Suramérica, è deceduto a L’Avana all’età di 88 anni.

Granado, nato l’ 8 agosto di 1922 a Cordova (Argentina) si è stabilito a Cuba dal 1961, è deceduto di morte naturale, ha spiegato suo figlio, omonimo, Alberto Granato.

Granado, fedele amico di Cuba è stato cremato sabato 5 marzo a L’Avana e le sue ceneri verranno sparse tra Cuba, Argentina e Venezuela, secondo le sue volontà.

Amico d’infanzia del Che, fu il suo compagno nel viaggio che fu intrapreso in motocicletta nel 1952 per tutto il sud America, un’avventura che svegliò la coscienza politica del guerrigliero argentino.

Su “La Poderosa”, la motocicletta di Granado, percorsero buona parte del cono meridionale fino a che, nove mesi dopo, si separarono in Venezuela. Questa avventura fu portata al cinema nel 2004 con il film “Diari di una motocicletta”, diretta dal regista brasiliano Walter Saller ed interpretata per dal messicano Gael García Bernal nella parte del Che e dall’argentino Rodrigo de la Serna in quella di Alberto Granado. Dopo quel viaggio Granado ritornò in Argentina per lavorare come biochimico, professione che pratico anche in Venezuela, ma, dopo il trionfo della rivoluzione cubana, il Che l’invitò a L’Avana e quindi decise di stabilirsi nell’isola con sua moglie, Delia, ed i suoi figli.

Nel 2008 Alberto Granado tornò in Argentina per partecipare alle celebrazioni del 80° anniversario della nascita di Che Guevara nella città di Rosario.

Il suo ultimo viaggio all’esterno è stato in Ecuador alcuni mesi fa. Come ha detto ad EFE il figlio, suo padre fu un “gran rivoluzionario” ed un uomo che amava molto la vita.

(dall’agenzia EFE)

Enorme soddisfazione per l’esito della campagna 2010, grande impegno per quella del 2011

Cuba: il popolo contro l’impero.La folla a La Habana oltre che la Dama mercenaria contesta anche il Fante dell’Impero, ma in Italia fa notizia solo la Sanchez, su una rivista di pecette

di Lito – per AmiCuba Isola Ribelle

In coda alla contestazione popolare delle Dame in Bianco, che non sono riuscite ad uscire sulla strada per effettuare la manifestazione che avevano annunciato, anche il rappresentante statunitense della SINA, Lowell Dalton, è stato contestato, come abbiamo potuto vedere successivamente in un eloquente video. Senza alcuna violenza o provocazione come al solito, ma ampiamente contestato. E’ davvero educativo vedere il filmato di questa manifestazione, con le voci del popolo cubano che sa bene come difendersi da solo. Avvilito, ma non spaventato, lo statunitense non ha potuto che assistere impassibile alla forza che veniva espressa davanti a lui. Colpo su colpo, le mercenarie sono andate in Bianco su tutto. Come abbiamo tempestivamente comunicato sul numero scorso di AmiCuba, il Portavoce del gruppo femminile di dissidenza, ha comunicato di essere in realtà un agente del Servizio di Sicurezza dello Stato cubano e di essere rimasto infiltrato nel gruppo con lo scopo d’intuire meglio le modalità di finanziamento da parte dell’Impero. Il video relativo alla contestazione del rappresentante statunitense è a disposizione qui.

Ma c’è da aggiungere una stranezza colta successivamente e che riguarda proprio questo video. Si tratta della presenza, davanti allo statunitense contestato, di Reynaldo Escobar, marito di Yoani Sánchez la “pasionaria triste”, quella con un blog tradotto in ben 18 lingue e rilanciato da un sistema operativo che fa base in Germania.
Insomma la povera scrittrice con una capacità di comunicazione da schiaffo alla miseria.
Le corrispondenze lamentose della Sanchez sono pubblicate in Italia da una rivista che vorrebbe collocarsi nell’ambito della stampa democratica (?). Fondato da un ex giornalista dell’Unità, questo settimanale prende articoli dalla stampa internazionale, li traduce e li propone al pubblico italiano. La Sanchez ha un riquadro fisso che serve a dimostrare quanto è brutta la vita del popolo cubano costretto nel recinto di una dittatura. Se non fosse ormai chiaro che la bloguera è una mercenaria che per un proprio tornaconto è disposta a svendere la Patria ed i suoi abitanti, si potrebbe non sospettare il recondito motivo che spinge questa rivista italiana di collages e pecette a rilanciare tale prezzolato lavoro. Sta di fatto che nel frattempo, a Cuba, con una maglietta bianca che reca una scritta non decifrabile, ma che non sembra essere la pubblicità del settimanale italiano, il marito della Sanchez pare piazzato dalla parte dei manifestanti, almeno in quanto a posizione statica.
Lo si può vedere qui di spalle, nel fermo immagine.

Il n° 19 del Notiziario AmiCuba. Buone informazioni

Leggi qui AmiCuba n°19
AMICUBA n°19

57 ANNI DI AMICIZIA CON L'ISOLA RIBELLE


" EL MONCADA "
IL PERIODICO DELL'ASSOCIAZIONE VIENE INVIATO AGLI ISCRITTI ED E' CONSULTABILE QUI:

VIENE SPEDITO ANCHE A BIBLIOTECHE e ASSOCIAZIONI CHE NE FANNO RICHIESTA


per destinare il 5 x 1000 alla solidarietà con Cuba scrivi il codice fiscale
96233920584
clicca sull'immagine qui sotto per ingrandirla e contribuisci

CANALE YOUTUBE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI AMICIZIA ITALIA CUBA

RICHIEDI AI CIRCOLI
IL SUPPLEMENTO CUADERNOS n°1
archivio
Notiziario AmiCuba

 width=

inserisci questo link sul tuo sito e comunicacelo

Licenza Creative Commons
Questo sito è rilasciato nei termini della licenza
Creative Commons License

 

dicembre: 2017
L M M G V S D
« nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
AMICUBA ISOLA RIBELLE CONTRO IL TERRORISMO MEDIATICO

Crea sito web gratis